Arrow/Telefilm

Recensione | Arrow 2×16 “Suicide Squad”

Arrow torna dalla pausa, peccato che lo faccia con un episodio non proprio all’altezza delle aspettative, non dopo l’ultimo.
Sapete, penso che il problema principale di questa puntata sia che ingrana troppo tardi. Perché cominciassi ad appassionarmi alla storia ci sono voluti almeno quindici minuti, la parte iniziale è una premessa prolissa e pallosa. Però, c’è un però, dopo aver ingranato, l’episodio è risultato comunque godibile e ci sono state delle cose che mi sono davvero piaciute.
Certo, non rientrerà mai negli episodi migliori, ma con una stagione tanto bella e coinvolgente come la seconda, penso si possa perdonare ad Arrow un episodio un po’ meno bello. Una piccola macchiolina non intacca un bel lavoro.

Ora vediamo l’episodio più da vicino. Comincerò da John Diggle, visto che in questo episodio il protagonista è lui, mentre Oliver, povero, è alla stregua di una comparsa.
L’inizio, come vi dicevo, è lento da morire, l’unica cosa degna di nota è solo la scena con Felicity in pigiama, ma ci arrivo dopo.
Nel “caso della settimana”, per così dire, Diggle ci è praticamente tirato in mezzo. Va dalla (ex) moglie-ragazza Lyla per qualche minuto di divertimento e finisce per essere tirato in mezzo da Amanda Waller in una missione, una davvero pericolosa. Tanto pericolosa che, oltre a Diggle e Lyla, parteciperà una Suicide Squad, cioè una squadra facilmente sacrificabile se le cose si mettessero male, composta da delinquenti e nostre vecchie conoscenze: Deadshot, il grande killer che ha ucciso il fratello di Diggle, Shrapnel, l’abbiamo incontrato qualche episodio fa, e Tiger. Su quest’ultimo… mi pare che abbiamo incontrato anche lui, ma, sinceramente, non riesco a ricordare né come, né tantomeno quando.

È più o meno in questo punto, con la trionfale entrata di Deadshot, che la puntata comincia a diventare interessante. Non me n’ero mai accorta negli episodi in cui l’abbiamo visto – a parte forse quello della seconda stagione in cui c’è Lyla da trarre in salvo -, ma ha del potenziale e, addirittura, un cuore. È stata un vera sorpresa per me, perché solitamente, in Arrow, gli psicopatici che Oliver arresta/uccide rimangono gli psicopatici che spariranno entro la fine dell’episodio, quindi passano abbastanza inosservati, a parte due o tre. Tipo… Shrapnel – idiota! Se sai di avere una bomba nella testa cosa scappi a fare? – me lo ricordo solo perché odio il suo nome, è già la seconda volta che devo fermare l’episodio per appuntarmi come si chiama, perché difficile da ricordarsi come si scrive!

La missione è strettamente collegata ad uno dei più brutti ricordi del passato di Diggle, quando era in Afghanistan, ed è legata ad un certo Gholem Qadir e il recupero, tramite questi, dell’Agente Nervino.
È importante che Diggle partecipi alla missione, perché Gholem ha una buona opinione di Dig, visto che una volta gli ha disgraziatamente salvato la vita, pertanto è per lui più facile avvicinarlo e riuscire a permettere alla Suicide Squad di rubare l’Agente Nervino.
Ebbene sì, ricordate la cicatrice nel cuore di Diggle, che a causa del suo lavoro uccise un ragazzino? Se per Gholem Diggle è praticamente un eroe, per Diggle, al contrario, Gholem è un ricordo devastante, un’autentica macchia nella sua carriera.

La cosa più sorprendente di questa trama, che è anche una di quelle che mi ha fatto apprezzare l’episodio, è la bromance che si viene a creare tra Deadshot e Diggle. Si era già vista un pochino la scorsa volta, ma in questa puntata è esplosa, questi due personaggi insieme sono davvero esplosivi.
È stato bello assistere al modo in cui hanno collaborato, come Diggle abbia messo da parte le sue divergenze, visti i trascorsi. Diggle, inoltre, è la persona più onesta e formidabile di tutto Arrow. Il modo in cui è tornato indietro e abbia salvato Deadshot… wow, davvero, senza parole. O Diggle abbia sfruttato Zoe per far cedere Deadshot, diciamo pure che il loro rapporto ha praticamente salvato l’episodio.

Su Deadshot. Non avrei mai immaginato che avesse una figlia. Sono anche sicura che le voglia bene davvero, sebbene, al contrario di Diggle, credo sia opinabile che Zoe abbia bisogno di un padre, ma vabbé…

In qualche modo, il piano della Suicide Squad funziona e il team riesce ad accedere al luogo in cui si trova l’Agente Nervino. C’è solo un piccolo problema, Amanda Waller si è dimenticata di aggiungere quanto esso sia intrasportabile. Già, perché lei non ha affatto intenzione di portarlo via, ma farlo esplodere, lanciando un bel missile. Chissenefrega se è in corso una festa e moriranno centinaia di persona innocenti.

Diggle riesce a far fuggire tutti e tira fuori anche Deadshot, peccato che il missile sia programmato per esplodere nel punto in cui c’è un gps infilato nella testa di Deadshot e non dove c’è la casa. [Amanda deve averlo imparato da Jedekiah!]

Così così Lyla, l’avevo apprezzata di più la volta scorsa. Con Diggle fanno una coppia interessante, sebbene siano come il giorno e la notte. Per loro il termine compromesso deve avere un’estensione davvero larga.
Devono seriamente litigare su tutto.
Eppure, alla fine si è ripresa, quando ha letteralmente strappato il gps bomba dal collo di Deadshot.
Detto fra noi, sono davvero contenta che l’abbiano salvato, perché spero di rivederlo di nuovo in prima linea con Diggle.

Così, così i flashback sul passato di Diggle. Sono contenta che ci abbiano spiegato com’è andata, ma un po’ delusa che dopo la svolta sull’isola della scorsa puntata, in questa non si sia scoperto cos’è accaduto dopo.

Passiamo ora al nostro Oliver. Dopo aver scoperto che Slade è vivo e ancora tenacemente incavolato con lui, Oliver ha praticamente un crollo emotivo.
Tanto per cominciare: non dorme di notte.

Voglio dire… io sono contenta se mi fate rivedere Shado, a cui ero affezionata, ma basta farla vedere morta, che incolpa Oliver di averla uccisa. Accidenti, è un colpo al cuore, per me e per il povero Oliver. Date una camomilla a questo ragazzo e fatelo dormire, prima che diventi come Stiles (Teen Wolf), grazie.

Oliver è ormai ossessionato da Slade e quello che potrebbe fare. Sta facendo il possibile per trovarlo, ma non è il solito lui. Ha una reazione molto simile a quando scoprì che la Mirakuru era ancora in circolazione: ha perso la testa ed è incontrollabile.
Addirittura servirsi della Bratva e di un tale Aleksi per ritrovare Slade. Siamo caduti così in basso? In ogni caso, è stato inutile, perché Slade è grande, grande, grande (merita che lo scriva tre volte) e non si fa fregare così facilmente. Incredibile la scena in cui Oliver si presenta nell’ufficio di Slade e trova Aleksi stecchito e un proiettore con un filmato su Shado in funzione.
Ci rendiamo conto di quando Slade abbia perso la bussola? Non voglio nemmeno pensare quante volte abbia visto quel filmato, come abbia fatto a recuperarlo e come non faccia che pensare a come far soffrire Oliver. Dopo questa puntata, penso definitivamente che Slade sia irrecuperabile.

Mentre cerca Slade, Oliver comincia ad allontanare le persone a cui tiene, a cominciare da Sara. Come ho detto l’altra volta, lui ha paura che una possibile fidanzata sia un bersaglio per Slade, quindi, da Olicity, mi rendo conto che Oliver non è ancora pronto ad ammettere quello che prova per Felicity, né a dimostrarlo. Prima o poi lo sarà, in questo episodio qualche progresso lo ha fatto. Sì, okay, verso Sara, ma nessuno ha detto che l’Olicity sarebbe stato un percorso facile, gli ostacoli ci sono, ma piano piano si va avanti.

Esattamente, cosa stanno facendo gli Alcolisti Anonimi a Laurel? Mi è piaciuta! Non si è pianta addosso, è stata ironica e divertente! Amazing!
Forse, ha superato un po’ troppo facilmente il fatto che sua sorella e Oliver stiano insieme, ma, dopo quello che le è successo, penso stia facendo dei grandi sforzi per rimettersi in carreggiata e in questo episodio lo ha dimostrato.
Bene come abbia aiutato Oliver e sua sorella (sinceramente, preferisco che la relazione tra Sara e Oliver si esaurisca come una candela consumata, non perché qualcuno le ha gettato dell’acqua addosso, altrimenti non verrà mai del tutto superata), non ho altro da dire a Laurel se non uno scrosciare di applausi.

Questa scena tra Oliver e Sara è stata bella, perché Oliver ha bisogno di capire che non è solo, non deve agire da solo e deve contare sulle persone che ha vicino. E se succede qualcosa, non è colpa sua, le persone che gli sono state vicine lo hanno fatto perché volevano, perché ci tengono a lui ed è andata com’è andata.

Il finale di puntata è stato sorprendente. Amanda Waller e Oliver che complottano insieme! Sinceramente, preferirei che Oliver non si mischiasse ad una donna del genere, ma fremo per scoprire a cosa porterà.

Varie ed eventuali: 

– Carinissima la scena tra Diggle e Felicity. Hanno un rapporto fantastico ed è bello che lui si stia preoccupando per la sua sicurezza e lei gli dica di non preoccuparsi. Molto dolce.

– E siamo di nuovo a chi l’ha visto. Roy who? Questo povero ragazzo dove si allena? Beh, comunque grazie Arrow per averlo almeno ricordato, suggerendo dove fosse.

– Oliver lavora ogni tanto? In ufficio non si vede più.

– Ahi-ahi Moira. Questa donna è entrata perfettamente nello spirito di una candidata alle elezioni: menti per farti eleggere.

Promo e ringraziamenti finali:

Ringraziamo:  Diario di una fangirl. | TelefilmSeries.Com | Telefilm. ϟ | Serie Tv, che passione ღ | My name is Oliver Queenϟ Arrow Italy | Arrow: I’m not the same person. | • Telefilm Dependence •Oliver Queen « Arrow « | Serial Lovers – Telefilm Page | Stephen Amell Italy | Telefilm Passion ღ | A future without you,is a future without sense ღ |  Olicity ღ If you are not leaving, I’m not leaving. | Arrow : Fight for Justice | Arrow • Oliver & Felicity • | ≈ Emily Bett Rickards Italy |Felicity, you αre remαrkαble. | Katie Cassidy Italian Fans ϟ | Lauliver ϟ | This is my life, I choose – Arrow | Colton Haynes Italia | Telefilm Addicted ϟ | Telefilm Revelations | Arrow – Oliver & Felicity ∞ | Serie Tv e film time | Telefilm. Un amore incondizionato | » Flawless ship. | My fangirl level it’s over nine thousand | Tv shows, my alternative reality. | Telefilm Italia | Film e telefilm ossessione. | All you need is Telefilm • | Love them,telefilm. | • Holland Roden & Colton Haynes Italia • | The Amell Mania | Stephen & Robbie • Cousins Amell Italian Fans | Serie Tv Mania

4 thoughts on “Recensione | Arrow 2×16 “Suicide Squad”

  1. Strana. Questo è il commento che mi sento di fare per questa puntata. Non strana in senso negativo ma pur sempre strana. Cioè, un po’ deludente. A mio parere hanno voluto fare qualcosa che forse non hanno saputo gestire molto bene. Volevano raccontare o farci sapere qualcosa di più su Diggle ma secondo me, l’hanno strutturata un po’ male. Non è stata per niente avvincente. Era un susseguirsi di scene forzate, con qualche flashback e qualche notiziola su Diggle qua e là. Come dici tu, l’unica cosa che ha salvato la puntata è stata Deadshot (che oltretutto come personaggio mi ricorda tantissimo T-Bag di Prison Break). Lui ha reso la puntata un po’ più avvincente (mi piace un sacco come recita l’attore che lo interpreta!!). Da Olicity quale sono, mi è spiaciuto non vedere scene tra Oliver e Felicity e mi è quasi sembrato che l’unica che abbiano messo l’abbiano fatto giusto per accontentare i fan e non perchè davvero volessero metterla: un po’ forzata e non molto rilevante per la puntata. Mi è piaciuta invece quella tra Diggle e Felicity *.*
    Oliver invece che viaggia a vuoto alla ricerca di Slade? no, non ci siamo. O mi fai la puntata tutta solo su Diggle o non mi fai la storia parallela con Oliver a caso, solo perchè lui è il personaggio principale e non potete non farlo vedere. Era ovvio che non avrebbe combinato nulla per quanto riguarda Slade (non doveva succedere ora e non in questa puntata).
    Mi sto sorbendo con “serenità” Sara e Oliver insieme solo perchè abbiamo avuto la certezza che non dureranno altrimenti mi sarebbe venuta l’orticaria ://// in conclusione diciamo che è stata una puntata un po’ da “allunga brodo” come le chiamo io. Se fosse stata girata e strutturata come quella dedicata al passato sull’isola sarebbe stata molto più bella. Apprezziamo comunque lo sforzo, giusto? xD

    ps. mi sono accorta ora che ho scritto “a lot”. Scusate il papiro!!!
    xx

    Piace a 1 persona

  2. Mi piacciono i commenti lunghi, quindi ben vengano, davvero. 🙂

    Ti quoto. La gestione di questo episodio è stata pessima, l’inizio è stato talmente prolisso e mal gestito che ero sul punto di premere “x”, poi è arrivato Deadshot (concordo, l’attore è bravo. Mi è piaciuto un sacco anche quello che interpretava il Conte).
    Secondo me, ci pensavo durante la puntata, è stato uno sbaglio separare in quel modo Diggle e Oliver. Se avessero fatto una puntata un po’ come quella in Russia sarebbe stato meglio, anziché due storyline separate, unite solo da Amanda Waller (un po’ poco).
    Concordo anche sul fatto che Felicity sia stata messa tanto per. La adoro, ma non è che non vedrò più Arrow, se Felicity salta un episodio o compare solo nella scena con Diggle
    Sara e Oliver sono come una medicina amara. La buttiamo giù anche se non ci piace. Tanto è evidente che non durerà a lungo, i due personaggi sono incompatibili come coppia, vale lo stesso anche per Laurel. Hai visto in questa puntata?! Cioè, proprio due emisferi diversi. “Ti conosco meglio di chiunque altro” cit. Laurel. Sì, credici!
    Hai proprio ragione “allunga brodo”! Vabbè, speriamo meglio la prossima.
    Grazie del commento. 😉

    "Mi piace"

  3. Concordo sul fatto che non è stato uno degli episodi migliori di Arrow, ma, aspettavo l’episodio da molto.
    Motivazione? DEADSHOT. Cioè io AMO quell’uomo e questa scoperta di un Deadshot con del cuore e del mezzo senso dell’umorismo, mi è piaciuta tantissimo. Ho amato anch’io le scene con Diggle. Shippo la bromance tra i due dall’ultimo episodio in cui si sono visti insieme, e in questa è salita a mille.

    Diggle appunto, hai detto bene, è il personaggio migliore di Arrow. Anche lui ha dato qualche segno di orgoglio in precedenza, ma è decisamente un personaggio fantastico! Mi sono piaciuti i suoi flashback e la scena con Felicity.

    Oliver si è preso una pausa! Poche scene l’hanno messo in luce, e la migliore a mio avviso è stata l’ultima, con Amanda Waller. Gesù, quanto mi sta sulle balle quella donna. Ma migliore di Oliver è stato Slede, che anche se non si è visto concretamente, è stato presente, eccome.

    Piace a 1 persona

    • La bromance l’avevo notata anch’io l’altra volta, ma non mi aveva colpito così tanto, stavolta, invece, è stata davvero meravigliosa.
      Oh, Slade ormai è sempre presente, anche non fisicamente. E’ proprio una presenza indefinita, ma che comunque ha grande importanza negli avvenimenti. Ormai è lui a guidare la partita, lo adoro, lo adoro!
      Ti quoto su Amanda Waller, se vuole Slade può sfogare il suo disappunto su di lei e togliercela dai piedi.
      Grazie del commento.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...