Telefilm/The Musketeers

Recap | The Musketeers

Siete rimasti affascinati come me da questa nuova serie televisiva? Avete voglia di leggere un riassunto condito alla fine da un piccolo commento personale sui primi sei episodi di questa stagione? Bene, allora vi trovate esattamente nel posto giusto.
Sono entrata leggermente nel pallone quando mi sono accorta di dover provare a fare un riassunto dei primi sei episodi di questo fantastico telefilm, ma cercherò di non scrivere un libro al posto di un riassunto e di non annoiarvi troppo xD Non è assolutamente mia intenzione farlo, ovviamente. E’ innegabile, oltretutto, che cercare di fare un riassunto dei primi sei episodi di ‘The Musketeers’ non sia assolutamente cosa facile. No, per niente! Mi rendo perfettamente conto da me che c’è tanto da dire e che gli autori in questo non ci aiutano di certo (e con ‘ci’ intendo me e chi altro si ritroverà mai a fare un riassunto su questa serie televisiva) dato che ci bombardano letteralmente di informazioni in ogni singolo episodio.
Piovono praticamente informazioni al posto di semplici polpette!
Ciò ovviamente non è che un bene, però, perché così facendo rendono i personaggi più veri ed anche più interessanti. Solo che non so davvero come fare a condensare l’essenza di ‘The Musketeers’ in poche parole, ma devo farcela. Combatterò e vincerò questa battaglia, con il coraggio dei moschettieri di Luigi XIII! ù__ù
1×01 – “Friends and Enemies”: Alla morte del padre, D’Artagnan decide di vendicarlo. Prima di morire suo padre gli aveva sussurrato il nome di colui che lui crede essere il suo assassino, Athos, quindi il giovane parte per Parigi in cerca di vendetta. Nel frattempo Athos, Porthos ed Aramis alle prese con la loro vita quotidiana (risveglio, sala da gioco, amante) vengono chiamati per una missione: devono andare a Chartres per indagare sulla misteriosa scomparsa di un gruppo di moschettieri. D’Artagnan nel frattempo raggiunge Parigi ed ha un incontro focoso con una donna molto bella che però lo fa accusare il mattino dopo di omicidio. Il giovane fugge e grazie ad uno stratagemma riesce a mettersi in salvo dalle guardie. Nella fuga però era rimasto ferito e madame Bonacieux (colei che involontariamente l’ha aiutato durante la fuga) lo cura e gli indica il luogo in cui si trova la guarnigione dei moschettieri. Ritornati alla base, Athos, Porthos e Aramis si scontrano con D’Artagnan ma vengono fermati prima che la situazione possa evolversi per il peggio. Athos viene in seguito accusato di furto ed omicidio e va in prigione. Porthos ed Aramis, aiutati da D’Artagnan, scoprono la verità e riescono a salvare il loro amico prima della fucilazione. Durante l’episodio si scopre inoltre che la donna che ha ‘sedotto’ D’Artagnan era in combutta con il cardinale Richelieu, l’uomo che in realtà stava dietro a tutta la congiura contro Athos, e che questa stessa donna un tempo era stata molto amata da Athos. Si amano ancora? Non si sa. Quello che si capisce, dato che lo urla ai quattro venti, è che la donna vuole vendetta. Ma per cosa? Boh. Non ci è dato saperlo.

 

1×02 – “Sleight of Hand”: D’Artagnan in questo episodio decide di mettersi in gioco per i moschettieri. Avevano bisogno di un uomo sotto-copertura e lui si propone come volontario, facendosi arrestare e rinchiudere nella cella di un certo Vadim. Quest’uomo aveva rubato abbastanza polvere da sparo da iniziare una guerra, quindi il compito di D’Artagnan è quello di entrare nelle sue ‘grazie’ per scoprire cosa quest’uomo abbia in mente di fare contro la Francia. Ci riesce professando il suo odio contro i moschettieri e quando Vadim viene aiutato dai suoi uomini a fuggire, D’Artagnan lo segue poiché è l’uomo stesso a volerlo. I suoi uomini però non si fidano del giovane e fanno di tutto per dimostrare la sua mala fede, anche se Vadim continua a fidarsi ancora del ragazzo. Anche il cardinale Richelieu desidera avere Vadim e sguinzaglia la sua Milady de Winter per convincere D’Artagnan a non consegnare l’uomo ai moschettieri. Non ci riesce e D’Artagnan continua la sua missione. Ad un certo punto, il cardinale Richelieu crede che Vadim vuole usare la polvere da sparo durante l’annuale giro in mezzo al popolo di Sua Maestà nei pressi di Notre-Dame, ma si sbaglia perché non è questo il piano di Vadim. Si scopre che quest’uomo era un ex servo del palazzo e che il suo obiettivo è invece la camera blindata reale. Non riesce comunque a vincere contro i moschettieri, poiché D’Artagnan lo ferisce gravemente, e muore. Nel corso dell’episodio si è visto anche come la regina Anne sia molto attratta da Aramis e di come ancora una volta madame Bonacieux sia sempre in prima linea per difendere D’Artagnan.
Athos, Porthos, Aramis e D’Artagnan in tutta la loro bellezza!
1×03 – “Commodities”: La nostra attenzione in questo episodio viene focalizzata su due punti: la missione che i nostri quattro protagonisti devono compiere per ordine del re ed il passato di Athos. Cercherò di riassumere tutto in poche parole, dividendo le varie situazioni in due parti:
1) La missione consisteva nell’arrestare un commerciante, Emile Bonnaire, per poi portarlo al cospetto del re poiché aveva infranto un trattato stipulato tra Francia e Spagna che prevedeva che la Francia non potesse istituire nuove colonie a suo nome. L’uomo però aveva molti nemici ed i nostri quattro baldi giovani hanno dovuto sudare parecchio per portare l’uomo in Francia, anche se loro stessi avrebbero voluto ucciderlo poiché Bonnaire aveva in mente di portare nelle proprie colonie degli schiavi neri. La madre di Porthos era stata una schiava prima di essere liberata, quindi il moschettiere non poteva sopportare quello che l’uomo aveva intenzione di fare. Per fortuna riescono alla fine ad incastrare l’uomo ed a mandare a rotoli i loro piani.
2) La parte del passato di Athos è molto importante per capire il suo personaggio. Finalmente, grazie a questo episodio, capiamo cosa lo leghi a Lady de Winter: un matrimonio. Un tempo si amavano molto e desideravano passare la loro vita insieme, ma Athos scoprì ben presto che la donna che aveva sposato non era affatto quello che credeva. La donna era infatti un’assassina (aveva ucciso anche il fratello di Athos), quindi il moschettiere dovette prendere una decisione molto sofferta, ossia quella di condannarla per i crimini che aveva commesso. La donna doveva morire impiccata ma riuscì a corrompere colui che avrebbe compiuto la sua sentenza e riuscì a salvarsi. In questo episodio i due si incontrano e così Athos viene a sapere definitivamente che la donna è viva, nonostante lui non lo sospettasse minimamente.

 

1×04 – “The Good Soldier”: Il duca di Savoia, marito della sorella di Luigi XIII, giunge in Francia per firmare un trattato che unisca per sempre la Francia alla Savoia. Nel giorno del suo arrivo a Parigi, però, viene attaccato ed i rapporti tra la Savoia e la Francia, non rosei sin dall’inizio, continuano ad incrinarsi sempre di più. Il duca crede che la Francia sia la causa della scomparsa del suo Cancelliere, Cluzet, quindi è poco propenso a stilare questo accordo con la Francia (anche perché inizialmente il cardinale Richelieu voleva deporlo in favore del figlio), mentre l’uomo che aveva attentato alla sua vita crede che ci sia lui dietro ad un massacro in cui erano stati uccisi i suoi compagni moschettieri (gli unici sopravvissuti sono proprio lui, Marsac, ed Aramis). Chi ha ragione? Il primo sicuramente si perché effettivamente Cluzet si trova ancora nelle mani dei francesi poiché era una spia spagnola che minacciava la buona riuscita dei piani di unificazione tra la Francia e la Savoia, mentre il secondo no poiché era stata tutta una macchinazione del cardinale Richelieu. In che senso? Il piano consisteva nel salvare l’anonimato della più grande spia francese nel regno dei Savoia, ossia la Duchessa (moglie del duca), e l’unico modo per salvare la sua copertura era quella di far credere al duca stesso che quegli uomini (i moschettieri) erano stati mandati per un attentato a suo danno, quindi li aveva fatti uccidere per questo. Inoltre i francesi rapirono ed imprigionarono Cluzet poiché era a conoscenza della vero ruolo della Duchessa. Invischiato in questa situazione c’era anche il capitano Treville a cui però era stata detta solo parte della verità fino a cose fatte, cioè fino all’assassino dei suoi moschettieri. Alla fine Marsac muore nel tentativo di uccidere Treville ed il duca di Savoia firma il trattato con la Francia.
Madame Constance Bonacieux, la regina Anna e Lady de Winter.
1×05 – “The Homecoming”: Porthos si risveglia accanto ad un cadavere e senza memoria degli eventi della notte precedente. Viene sorpreso in una questa situazione incresciosa e giudicato subito colpevole di omicidio. Sta per essere scortato in prigione quando viene ‘salvato’, o per meglio dire ‘rapito’, da un gruppo di uomini dal volto coperto che lo conducono all’interno della Corte dei Miracoli. Scopriamo che il moschettiere ha sempre vissuto in quei luoghi, almeno fino a quando non ha avuto il desiderio di cambiare vita, lasciandosi alle spalle degli amici ed una donna che per lui contava molto, Flea. Uno dei suoi amici, Charon, è il re della Corte dei Miracoli adesso ed è stato lui ad ordinare ai suoi uomini di condurlo al sicuro perché sa che lì le leggi del re Luigi XIII non hanno alcun valore. Nel frattempo Athos, Aramis e D’Artagnan cercano di fare chiarezza sugli eventi di quella notte, sperando di scoprire che Porthos non sia diventato davvero un assassino. Pian piano, comunque, il moschettiere comincia a riacquistare i suoi ricordi ed a riprendere confidenza con i luoghi della sua infanzia. Le indagini però proseguono ed alla fine riescono a scoprire chi c’era dietro all’omicidio ed anche qualcos’altro: era stato il padre del ragazzo ucciso ad averlo assassinato poiché ‘non voleva fare ciò che andava fatto’, ossia distruggere la Corte dei Miracoli per ottenere in seguito un mucchio di denaro in grado di riscattare la loro famiglia dal fallimento. Per fare ciò l’uomo aveva comunque bisogno di un complice all’interno di quei luoghi e chi meglio del re della Corte dei Miracoli? Charon era stanco dello sporco e di tutta quella miseria, così si sarebbe reso complice di quel massacro. Porthos però riesce a fermarlo in tempo e si lascia alle spalle quel posto per sempre.

 

1×06 – “The Exiles”: D’Artagnan e Aramis hanno una particolare missione quell’oggi, ossia quella di scortare un infante e la madre fino a corte per ordine del cardinale Richelieu, ma qualcosa va storto perché non sembra essere solo il cardinale ad essere interessato al bambino. Il piccolo viene rapito ed alla madre disperata, Agnes, non resta che riporre fiducia nei due uomini per riavere indietro presto il suo bambino. Nel frattempo a corte giunge anche la madre di Luigi XIII, esiliata dalla Francia per aver cercato di deporre il figlio. Ella sostiene di essere in grande pericolo poiché degli uomini vogliono ucciderla ma il re non vuole inizialmente aiutarla poiché la donna aveva cercato di deporlo con la forza tanto tempo fa. Alla fine però la gioia di poterla rivedere di nuovo così bendisposta nei suoi confronti lo fanno cedere. Luigi continua ad amare sua madre nonostante tutto il dolore che gli aveva causato. Maria de Medici, però, non è a corte per il figlio. No, di certo. Pianifica di farlo deporre ancora una volta usando però uno stratagemma diverso, ossia proprio il bambino che abbiamo visto all’inizio dell’episodio. Ma chi è? E’ il nipote della donna. Nessuno ne era a conoscenza ma la donna aveva un tempo partorito due gemelli, Luigi XIII e Philippe, ma quest’ultimo, essendo deforme dalla nascita, viene fatto sparire con l’aiuto di un prete. Philippe ha vissuto la sua vita in un paesino tranquillo, in cui però la gente lo maltrattava. Agnes se n’era innamorata e dal loro matrimonio era nato Henry, il bambino. Poi Philippe era stato ucciso dalla crudeltà della gente ed Agnes era rimasta sola con il bambino. Era stata proprio Maria de Medici a far rapire Henry, di modo che potesse entrare nel palazzo francese con un degno pretendente al trono da poter proporre ai sudditi in alternativa a suo figlio Luigi. Aramis, però, è disposto a fare di tutto per aiutare Agnes (di cui un po’ è innamorato) e riesce a salvare il bambino facendo credere a tutti che fosse caduto tra le acque di un fiume. Maria de Medici viene sconfitta e con la coda tra le gambe lascia di nuovo la Francia. Agnes, invece, riabbraccia Henry e lascia anche lei la Francia. Non è più un posto sicuro ne per lei ne per il bambino.
Il capitano Treville, Luigi XIII ed il cardinale Richelieu.

Ed eccoci arrivati finalmente alla fine di questo lunghissimo recap! Mi sarebbe piaciuto molto poter fare una recensione di ogni singolo episodio ma sono entrata a far parte dello staff di ‘Parole Pelate’ solo da poco ed il telefilm era iniziato secoli fa. Le recensioni vere e proprie inizieranno dal settimo episodio in poi, di cui vi posterò il trailer alla fine dell’articolo. Fino ad ora le mie impressioni su questo telefilm sono state ottime perché ogni personaggio è ben caratterizzato, gli attori sono davvero fantastici ed io fangirleggio come una matta per chiunque (tranne forse per il cardinale e per Lady de Winter perché onestamente mi stanno antipatici, anche se riconosco la loro importanza ai fini della trama che sarebbe inesistente senza le loro macchinazioni). Quindi adesso vi lascio e spero che leggerete la mia prima e vera recensione su ‘The Musketeers’ sulla 1×07!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...