Bates Motel/Telefilm

Bates Motel | Recensione 2×01 “Gone But Not Forgotten”

Buongiorno a tutti quanti, pelati! Vi presento Bates Motel, nuova serie aggiunta al palinsesto di Primavera 2014 di ParolePelate.com.
Eh si, perché noi abbiano anche i palinsesti.
Da tutte le scelti che avrei potuto fare, la miriade di fantastiche serie per le quali avrei potuto fare recensioni ogni settimana ho scelto proprio questa, Bates Motel.
Ho visto il pilot di Bates Motel all’incirca l’8 Maggio, due giorno dopo che fu trasmessa la 1×08 “A Boy and his Dog“. Tutti i miei amici online -che erano e sono appassionati delle serie tv (rigorosamente Americane ed Inglesi, ricordate) proprio come me – lo consigliavano vivamente perché era stupendamente stupendo e la rivelazione dell’anno, giusto per citarli testualmente. Ero molto scettico, sapete quando sentite che qualcosa non vi piace, che proprio non ce la fate a sopportarlo, del quale avete i pregiudizi? Mi trovavo nella stessa identica situazione. Che cosa è stato a farmi cambiare idea è stato appunto il pilot. Ho adorato in maniera pazzesca ed in circa… 2 giorni mi sono messo in pari, recuperando tutte le 8 puntate che erano state trasmesse, per poi seguire le restanti.
Non potete capire la mia felicità quando appresi che la serie era stata rinnovata per una seconda stagione.
Anyway, presumendo che siate in pari con le puntate e che sappiate tutto riguardo alla prima stagione perché non iniziare immediatamente la mia recensione? Spero vivamente che vi piaccia! Spero che abbiate la voglia di condividere la vostra opinione 🙂

*Ciancio alle bande*

Il corso temporale del telefilm riprende molto probabilmente il mattino dopo gli eventi della 1×10 “Midnight” al seguito dei quali è morta la povera Miss Watson (e al 99,9% delle probabilità è stato proprio Norman ad ucciderla).
Norma (ma quanto mi era mancata mi chiedo?) riceve una telefonata da parte del preside che annuncia la triste morte della Watson e la conseguente funzione funebre fissata per il Lunedì, a cui dovranno presenziare.
Norman improvvisamente le si presenta davanti. Prima di dargli la brutta notizia, gli chiede se alla fine la Watson gli avesse dato quel passaggio a casa, Norman -confuso più che mai- le risponde di no.

Dopodiché c’è un salto temporale che arriva sino all’evento del funerale dove Norman inizia a piangere rumorosamente, distrutto per la perdita di una delle poche persone che lo capiva. Non ho seriamente sopportato gli sguardi sprezzanti per il pianto di Norman da parte delle persone presenti al funerale… Cioè ci sono delle cose chiamate sentimenti feels e dobbiamo esprimerli. Come non sopporto la gente che vive ad White Pine Bay… a dir poco insopportabili.

Tornati a casa Norma, nell’atto di consolare il suo povero figlio, dice una cosa molto saggia, aggiudicandosi il premio Citazione dell’Episodio.



Tesoro, la conoscevi appena.
Conoscevi solo una parte di lei, chissà cosa altro succedeva nella vita di quella donna.
Noi vediamo solo la punta dell’iceberg di chiunque.
Vediamo quello che la gente vuole che si veda.  Ma questo non significa che non ci sia qualcosa di nascosto.

Questa stessa citazione mi fa sperare in modo concreto che non sia stato Norman, ma qualcun altro. Lo spero.

Contemporaneamente, da qualche altra parte a White Pine Bay, una ragazza bionda, disperata e depressa e con la macchina che già conosciamo sta guidando in modo non corretto perché ubriaca. Stoppa la macchina vicino ad un ponte, dal quale… si butta.
E’ Bradley.

*Un altro, ennesimo Salto temporale di ben 4 mesi, che cosa sarà mai successo durante tutto questo tempo?*

Troviamo una frizzante e sorridente Norma alle prese con l’organizzazione del Motel, aiutata da una sempre efficiente Emma che la sta aiutando. Possiamo notare che finalmente, dopo una cavolo di stagione, 10 episodi, circa 420 minuti, 25200 minuti, il Motel si è avviato, ci sono clienti, soldi soldi soldi, ca$h insomma.
Ma Norma cambia improvvisamente umore quando alla domanda Where is Norman? Non riceve una risposta.
Lo trova nello scantinato dove, a quanto pare, ultimamente passa sin troppo tempo. Apprendiamo un paio di cose importanti da questa scena:

  1. Norman ha iniziato a sezionare/smembrare animali. Questo lo rende ancora più creepy di quanto già non lo fosse prima.
  2. Norman non fa più cose normali (prima le faceva?)
  3. Norman è prossimo a prendere la patente e più tardi andrà a fare un giro in macchina con la madre.
  4. E’ Estate. Sole, vacanze, yeah. Magari fosse estate qui.
  5. Il Bates Motel ha fatto sold-out per tutte le camere. How weird.

Norman finalmente adempie al suo compito e va ad aiutare Emma, sempre gelosa di Norman e Bradley.
Riconsegna all’amico (conoscente? persona che vedi ogni tanto?) delle lettere che lui aveva spedito all’ospedale psichiatrico dove era stata portata Bradley. Apprende inoltre che quest’ultima verrà rilasciata proprio oggi.
Arriva il momento del viaggio in macchina. Ovviamente Norma è coerente col suo personaggio e non perde un attimo per criticare/perfezionare/rompere le scatole su ogni movimento di guida che Norman compie.
La meta scelta dal giovane Bates è… il cimitero. Srsly? Tra tutte le mete che poteva scegliere proprio il cimitero? Capisco che è rimasto -ancora- sconvolto dalla morte della sua professoressa ma 4 mesi? Al ritorno passa Norma alla guida e durante il tragitto di ritorno vede una cosa che non le piace, affatto. Si stanno infatti preparando i lavori per costruire la superstrada. Ricordate le prime puntate? La costruzione di quella superstrada avrebbe rovinato la possibile clientela del Bates Motel… ma il problema era stato raggirato. Ora che si è ripresentato cosa escogiterà Norma?
La sera parla con Norman, ricordandogli i sentimenti che hanno provato la prima volta che l’insegna del Motel si era accesa. Si promettono di fare qualunque cosa perché il Motel rimanga aperto.
Quando Norma dice una cosa, la fa. Meglio di chiunque altro. Si iscrive quindi al consiglio cittadino, dove proverà a convincere le altre persone a fermare questo progetto che manderebbe nuovamente in rovina il Motel. Poveracci. Mai ‘na gioia eh.
Norman dice alla madre che va a fare un giro in paese. Sì, certo, come no, ti crediamo, non c’entra assolutamente nulla che Bradley sia stata appena rimessa, no per nulla, proprio nulla.

Bradley è evidentemente ancora ossessionata dalla morte del padre, quindi si precipita da un suo collega che glielo dice chiaro e tondo: suo padre era una merda. Le darebbe altre informazioni ma in cambio avrebbe voluto prestazioni sessuali. Bradley non è così disperata, per fortuna.
Torna quindi a casa sua ed esamina le cose che i suoi amici le avevano inviato, insieme a questi pensieri trova niente popò di meno che una pistola. Suicidio? Omicidio? Ma no. La madre la interrompe annunciandole che è venuto un ragazzo a trovarla: Norman.
Ma quanto sei prevedibile, mio caro?
La situazione tra loro due è abbastanza imbarazzante, tutto quello che lui le riesce a dire -molto timidamente- è che se ha bisogno di parlare lui ci sarà per lei. Che fesso. Vabé, è innamorato. Che fesso 2.

Il mattino seguente va nuovamente al cimitero, per visitare la tomba di Miss Watson e ci trova un energumeno.  Scatta alcune foto allo strano individuo, ma è così poco furbo da riuscire a farsi scoprire subito ed a farsi rincorrere ma per fortuna riesce a scappare. Poor Norman. Si dirige da lo sceriffo Romero per mostrargli le foto, finendo per auto-firmare la sua ammissione nella lista de I sospettati dell’omicidio di Miss Watson.
Quello che non sa, beh che quasi nessuno sa, è che la stessa innocente, innocua, tranquilla e gentile Blaire Watson era nel giro della droga ed aveva tradito il suo ragazzo, che è la stessa persona alla quale Bradley aveva chiesto informazioni riguardo a suo padre, con il padre di Bradley. Tutto questo si è venuto a sapere solo grazie a Dylan. Norman, forse non sei stato tu. Forse.

Per Norma è arrivato il momento di far valere le sue ragioni e di cercare di convincere le persone a fermare il progetto dell’autostrada.
Venendo umiliata davanti a tutti, Normona cara perde giustamente la testa. Quanto la amo.
Inizia rinfacciando alle persone lì presenti che l’economia del paese si basa sui soldi guadagnati dalla droga e poi se la prende giustamente con le più che stupide, ed i cui personaggi forse sono troppo attaccati allo stereotipo, casalinghe che si lamentavano giusto prima di lei di quello che i loro figli avrebbero letto a scuola, uscendosene con un monologo riguardo alla vita che le vale la sua nomination agli Emmy + altre mille nomination che dovrebbe vincere. E che vincerà.
Purtroppo per la nostra Norma quel fantastico monologo non è apprezzabile da dentro il telefilm, quindi non verrà ascoltata. Maledetti.


Mentre sta facendo ritorno al Motel, più che incavolata con il mondo dopo quello che le era successo poco fa, Romero la ferma perché le vuole parlare di Norman. Le rivela che visita la tomba di Blaire Watson molto spesso e regolarmente e le suggerisce che dovrebbe trovarsi qualcosa da fare. Norma, come già sappiamo, concorda.
Tornata finalmente al Bates Motel si confronta con Norman, pretendendo una volta buona la verità. Così lui le rivela tutto quello che si ricorda riguardo a quella sera.
Ascoltato il tutto, Norma lo consola dicendogli che Blaire lo stava seducendo e Norman è scappato perché è un bravo ragazzo.

Bradley si incontra con Dylan che le spiega più o meno tutto riguardo Miss Watson, suo padre e Gil e le intima di restare lontano da tutta quella brutta faccenda, di voltare pagina ed andare avanti.
Lei gli chiede perché non ha risposte alle sue e-mail, lui replica che non vuole ferire suo fratello #brotp Voglio tipo dalla prima apparizione di Dylan un abbraccio tra i due.

Bradley si dirige da Gil e semplicemente lo uccide. Che cosa farà? Va a chiedere aiuto a Norman.
Bah.
Esclusa questa baggianata che chiude la puntata, ho trovato questa un’ottima premiere! Sono talmente curioso di vedere il prossimo episodio che spero i giorni volino.
Alla prossima, vi lascio col promo ed i ringraziamenti ai nostri affiliati 🙂

Ringraziamo: Tv, Cinema, Musica & LibriTelefilmSeries.Com | Diario di una fangirl. | Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita | • Telefilm Dependence • | Serie Tv e film time | Love them,telefilm.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...