Hannibal/Telefilm

Recensione | Hannibal 2×01 “Kaiseki”

Goooood Morning Vietnam!

E, nonostante non sia più giorno e che di certo non ci troviamo in Vietnam, mi trovo costretta a dirvi che il mio stato emozionale rasenta l’euforia. Ho aspettato questa stagione quasi quanto la S3 di Sherlock, quindi le aspettative era alte e fortunatamente non sono stata delusa, anzi mi è piaciuta come Season Premiere. Ma vediamo di andare per ordine.

La prima puntata, Kaiseki, si apre in un modo che odio, a causa della mia curiosità viscerale. Con quelle scene che vedremo probabilmente solo nell’ultima puntata, quelle scene che ti tormentano e ti fanno generare così tante teorie, e tu pensi, pensi, pensi… E alla fine non hai capito niente e sei nuovamente al punto d’inizio.

La prima scena è forse quella che aspettavo da più tempo, quella che mi ha letteralmente lasciato a bocca aperta. Ci troviamo all’interno della cucina di Hannibal, mentre il dottore si appresta a cucinare qualcosa dalla dubbia provenienza. Sinceramente, per quanto la mia curiosità mi abbia spronato a cercare di capire cosa fosse, non ci sono riuscita. Comunque, all’improvviso entra Jack e Hannibal sembra abbastanza felice di vederlo, ma la sua espressione passa da Jack, come sono felice di vederti! a Quindi l’hai scoperto? Potrei fare un filetto delizioso con la tua ciccia. E poi è tutto un combattere, una fight scene che mi ha lasciata senza parole, perché hanno distrutto il santuario di Hannibal! La vetrina, il tavolo. Anche se mi sono resa conto che il frigorifero può diventare un’ottima arma di difesa. Come viene descritto nei libri, Hannibal dimostra di essere un ottimo combattente, basti pensare al colpetto che trafigge la mano di Jack, e la sua arguzia che lo aiuta a non morire strozzato. La scena, lunga ben due minuti, si interrompe con Jack chiuso nella dispensa di Hannibal, con un frammento di vetro conficcato nella gola, mentre Hannibal tenta di sfondare la porta.

DODICI SETTIMANE PRIMA

Ci ritroviamo nuovamente all’interno della cucina di Hannibal, ma questa volta si appresta a cucinare del pesce, secondo una tradizione giapponese – io non so voi, ma io non ne posso più di queste tradizioni e leggende giapponesi leggasi Teen Wolf. Prendiamo coscienza del fatto che in questo telefilm vengono pagati per mangiare, il mio sogno in pratica. Mi ha fatto molto piacere sentire l’accenno al passato di Hannibal, il piccolo riferimento a Lady Murasaki, e mi piacerebbe poterne vedere altri, magari qualche ricordo. L’argomento di conversazione di questa cena, ma soprattutto dell’intera puntata è Will. Will che impazzisce, Will che incolpa Hannibal, Will che non ricorda. Hannibal fa il furbo e punta le mani avanti cercando di convincere Jack ad investigare su di lui.

Ed è ciò che Kats fa: prende campioni del suo DNA, analizzano tutti i suoi completi, che sono veramente tanti, e Hannibal sta li, ad osservare tutto il procedimento con un sorriso compiaciuto come tutti provino ad incastralo ma come nessuno realmente possa riuscirci. Perché, questa volta, hanno tra le mani un professionista, che fa queste cose da quando era ancora un ragazzino.

Lei non è un sospetto, lei è il nuovo Will Graham.

Chi mai sospetterebbe di un dottore così bravo nel suo lavoro? Come ha precisato la mia collega, io avrei analizzato il suo cibo fin dalla prima puntata, perché è sicuramente l’unica prova tangibile del suo cannibalismo.

Ma arriviamo a Will. che è il secondo personaggio che avevo voglia di vedere. Lo troviamo in un lago a pescare, mentre un cervo, che poi ho ricordato essere un Wendigo, e che subito dopo mi sono resa conto di aver sentito quel nome anche in Supernatural, fa la sua comparsa. Intanto nella realtà il Dottor Frederick tenta in qualche modo di farlo parlare, ma Will è categorico: vuole vedere il Dottor Lecter. Intanto anche Jack è Alana stanno affrontando le conseguenza dell’arresto di Will, decidendo se sia una scelta saggia consegnare il rapporto di Alana in cui si fa riferimento alla reticenza di Will sul tornare ad essere un consulente

Hannibal, si trova, quindi, a vestire i panni di Will, quando la squadra del FBI si ritrova con uno psicopatico che si diverte ad imbalsamare le persone, riempiendoli di silicone. La squadra trova ben sei corpi, che dall’aspetto sembrano gli insuccessi del killer, che usa del colorante per mantenere il colore della pelle. Tutti gli scomparsi hanno in comune solo il fatto di essere spariti a bordo della loro macchina, e nessuno riesce a vedere il filo conduttore che colleghi tutte le persone. Forse, per la prima volta dall’incarcerazione, tutti sentono la mancanza di Will, o comunque del suo talento, e forse è proprio questo che convince Kats, che va a trovare Will, portando con se le foto dei corpi e quelle delle persone scomparse. Will, osserva le foto per diversi secondi, ed inizia a disporle secondo un ordine che dovrebbe rappresentare quello del rapitore, che a quanto sembra, sta riproducendo una tavolozza dei colori. Gli esperimenti riusciti finiscono in un silos, dove si risveglierà la sua ultima vittima, circondato da uomini e donne nude, ormai morti, ma perfettamente conservati.

Ma Kats non è l’unica a voler vedere Will, infatti il suo desiderio di vedere Lecter viene esaudito. Ad Hannibal, Will manca. L’ha detto alla sua psichiatra, ma si capisce grazie ai suoi atteggiamenti, al modo in cui guarda la poltrona occupata dall’uomo. Ma la vera domanda è: cosa ti manca realmente di Will? Il poter giocare con la sua mente? La sua compagnia? La sua è ossessione, verso il suo modo di pensare, e questa condizione e la convinzione di essere suo amico, spinge Hannibal a far visita a Will, spinto, forse, anche da Frederick.

Sai di essere il suo argomento di conversazione preferito? Hannibal, Hannibal, Hannibal, Hannibal.

E finalmente abbiamo il loro incontro, che è la scena che volevo vedere più di tutte, quella che chiunque aspettava, specialmente quell’angolino della mia mente che ha fangirlato senza vergogna dopo il Miss him di Hannibal. L’entrata del Dottore è preceduta da uno zoccolo del Wendigo, che è il totem di Hannibal.

La mia voce interiore parla come te. Non riesco a toglierti dalla mia mente.

Gente, non so voi, ma io ho fangirlato tanto, anche troppo. Sono una persona estremamente cattiva.

Tu non sei mio amico. La luce dell’amicizia non ci raggiungerà prima di un milione di anni. Ecco quanto siamo lontani dall’essere amici.

E mentre Hannibal continua a fare il lavaggio del cervello a Will, distruggendo le sue convinzioni, Will lo minaccia di una futura resa dei conti.

Ed è il turno di Alana di scombussolare la mente di Will, proponendo l’ipnosi, in modo che possa recuperare i suoi ricordi, che in qualche modo potrebbero dargli la certezza che Lecter sia realmente il colpevole. Quindi Alana si trasforma in una sorta di rappresentazione mistica che lo aiuta a immergersi in questo stato meditativo che dovrebbe aiutarlo a raggiungere i ricordi persi, ma non ottiene, per il momento nulla di abbastanza soddisfacente. Ma grazie a questa tecnica, Will riesce a recuperare un ricordo, che potrebbe essere considerato il più fondamentale di tutti quelli persi. Chiude gli occhi e vede Hannibal, che lo intuba in un momento in cui non era cosciente a causa della malattia che gli procurava allucinazioni, e fa in modo che l’orecchio di Abigai si trovi all’interno del suo corpo per riuscire a incastralo.  L’unico problema è che nessuno sembra credergli, quindi che differenza potrebbe fare un ricordo? Non siamo di certo nel magico mondo di J.K. Rowling in cui avremmo potuto usare il Veritaserum. L’unico che era arrivato alla giusta conclusione era Frederick, ma ciò che dice non viene mai preso in considerazione.

“Dice a tutti che sei un mostro.”

“Beh, in quel caso stai cenando con un assassino psicopatico, Frederick.”

Spero vivamente anche alla fine della stagione qualcuno stampi a Jack una maglietta con su scritto Te l’avevo detto. E poi lo diamo ad Hannibal che sicuramente saprà occuparsene in modo eccellente.

Ripeto la richiesta:

Pretendo Mads Mikkelsen in jeans.

Vi lascio con il promo della prossima puntata!

Ringraziamo: Hannibal italia serie tv ITA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...