New Girl/Telefilm

Recensione| New Girl 3×14 “Prince” e 3×15 “Exes”

Dopo una breve pausa, la scorsa settimana New Girl ci ha regalato un pacchetto doppio di puntate: la prima trasmessa domenica sera, subito dopo il Super Bowl, la seconda soltanto due giorni dopo. C’era grande aspettativa soprattutto per la prima, dove gli sceneggiatori aka strateghi, consapevoli del boom di ascolti che sarebbe seguito a quello che è il maggior evento televisivo dell’anno negli USA, hanno piazzato un pezzo da novanta come Prince. La guest star era stata annunciata da tempo ma io, non conoscendo affatto l’artista, non sapevo cosa dovessi aspettarmi. Il risultato è stato una puntata piacevole, forse una delle (poche) davvero buone di tutta la stagione. Ma andiamo per ordine.

PRINCE

Tutto l’episodio si gioca su quel I love you scappato inaspettatamente e involontariamente di bocca a Nick. E sulla reazione – non delle più normali, diciamolo – allo stesso di Jess: finger guns!

Per una volta una serie tv non ci mostra l’illusoria perfezione e romanticismo topico di un momento considerato dai più come il più intenso nella storia di una coppia (la mia acidità con riguardo al punto si asterrà da ogni commento), ma la spontaneità e l’imbarazzo che spesso lo accompagna. Jess reagisce proprio come farei io alla sorpresa di sentire parole così importanti (alle pistole con le dita aggiungerei probabilmente un occhiolino e uno schiocco di lingua), e questo ha reso la scena ironica ma realistica. Il resto si svolge poi alla festa a casa di Prince a cui le ragazze sono state inspiegabilmente invitate e dove Nick raggiunge Jess perché al vederla così sconvolta sente di doversi rimangiare la parola “so she doesn’t leave me”. Come no, un ragionamento sufficientemente umano, molto maschile, perfettamente logico. Ma l’incontro di Jess con Prince che si offre quale suo guru spirituale la porta a vincere la paura di dire apertamente ciò che prova al ragazzo, per poi alla fine ricambiare con entusiasmo a quel suo “ti amo”, perché vale sempre la pena di soffrire per qualcosa di bello. Prima le confidenze intime davanti a dei pancakes ingurgitati a forza, poi le lezioni di vita durante il ping pong, il cambio di vestiti totalmente senza senso, il training autogeno davanti allo specchio (“repeat after me: Love”. Adoro il nonsense!), infine le enigmatiche consapevolezze indotte dal volo di una farfalla: il ruolo di Prince si gioca tutto su scene volutamente assurde, ironiche caricature di un percorso di crescita interiore che vediamo in tanti film da Karate Kid a Kung-fu Panda (giusto per fare qualche semplice esempio di alta cinematografia). L’idea mi è piaciuta parecchio, magari un po’ lenta, ma simpatica, soprattutto nei sui risvolti disturbanti che giocano sul contrasto realtà-finzione: voglio sperare che sia voluto anche quell’effetto speciale della farfalla orribilmente finto.

– Do you understand now? – Yes, I think I do. – What about now? – No… no.
Impagabile l’espressione della Deschanel!

Molti non hanno apprezzato la forzata esagerazione della situazione, ma io mi sono divertita, quindi direi obiettivo raggiunto – molto più del solito, in questa stagione che si sta trascinando un po’ per forza d’inerzia.

Quanto al resto, abbiamo l’accoppiata Winston+Coach, da oggi “Fire & Ice”, che funziona benissimo sia per imbucarsi alla festa con molta fantasia, sia per farci divertire con i loro ingegnosi stratagemmi per rimorchiare. Da soli vengono un po’ dimenticati o underrated, ma insieme riescono a ritagliarsi un bello spazio comico. Riavvicinamento in vista per Schmidt e Cece, lento, discreto ma molto tenero e naturale: mi piace come in ogni puntata stanno inserendo qualche piccolo ma evidente segnale del maturarsi del rapporto fra di loro, che via via sta dimenticando le incomprensioni del passato per arrivare forse ad un nuovo inizio. Io ci spero! Anche perché con un’unica coppia fissa nello show, che non ci sta dando neanche queste grandi emozioni (mi aspettavo anche qualcosa di meno banale per questo primo “ti amo”, senza dover smuovere un idolo come Prince per creare hype), ci stiamo annoiando un po’. Rivogliamo indietro l’ardente passione fra i due bellocci della serie!

EXES

L’ho trovato, al contrario dell’altro, un episodio inutile in cui la natura di riempitivo si fa sentire un po’ troppo (io, regina degli eufemismi). È sempre più evidente come questa sia una stagione stanca, che fa fatica ad andare avanti mantenendo il livello spontaneamente e schiettamente divertente delle passate. E per questo la serie sta mettendo in campo parecchie guest stars, proprio per creare un risveglio movimento narrativo che i personaggi fissi non riescono più a dare. Questa è stata la volta di Adam Brody, nei panni dell’ex fidanzato di Jess. Niente da obiettare, una bella sorpresa come il nostro vecchio Seth Cohen non disturba mica, ma inserirlo per tentare di dare freschezza allo show credo sia un disperato esperimento perso in partenza. Piuttosto, finisce per aggiungere incoerenza alla narrazione con il fugace passaggio di un personaggio che vogliono darci l’impressione ci sia sempre stato e che invece non si è mai visto, non se ne è mai sentito parlare ed è quantomeno dispersivo sapere chi è e perché dovremmo tenerlo in considerazione. E purtroppo – mentre con Coach il discorso è stato diverso, in quanto sta in qualche modo arricchendo le dinamiche del cast originario – penso lo stesso della sorella di Jess, new entry annunciata per il prossimo episodio. Sono scettica sul suo arrivo e non so fino a che punto possa essere utile. Sarà la mia solita repulsione reazionaria o avrò ragione?

Comunque, per tornare alla trama principale: lo stallo della nostra coppia fissa ha bisogno di novità e allora entrano in gioco gli ex. Jess sostiene che Nick abbia ancora delle questioni in sospeso con Caroline (a volte ritornano…) e che debba chiarirle, per poter costruire un rapporto maturo e sincero di amicizia come lei ha saputo fare con il suo ex, appunto Adam Brody. Sorvolerò sul suo maglioncino hipster, la barbetta incolta e il loro effetto sui nostri ormoni, nonché sul confronto inclemente fra lui e Nick (ne sei davvero sicura, Jess? Ma davvero davvero?).

Ti prego, rimani ancora per un po’, Adam!

Infine si scopre che lui vuole tornare insieme a Jess perché in tutti questi anni lei, considerandolo ingenuamente un semplice amico, in realtà non ha fatto altro che illuderlo con dei comportamenti ambigui, che invece, secondo Nick, avevano alimentato le sue speranze di riportarsela a letto.

Tutta la situazione di tensione sentimentale mira a portare ad una importante dichiarazione, che vuole essere l’apoteosi del romanticismo ma che a me ha un po’ disturbato: Nick rivela che ha amato Jess fin dal primo giorno che l’ha incontrata. Non so perché, ma mi è sembrato forzato e fuori luogo portare Nick a dire una cosa del genere ed in questo momento, come se la storia fra di loro sia un po’ invecchiata per poter rendere questo genere di frasi davvero credibili o alimentare il fangirlamento seriale. Insomma, il momento su cui si voleva ruotasse l’intero episodio non mi ha smosso granché. Ma questo dipende da come gli autori hanno portato avanti l’evoluzione del rapporto (stancamente e banalmente, perché quasi mai supportato da un “environment” che interagisse in maniera fruttuosa con loro) piuttosto che dal tempo materiale che stanno insieme, che se ci pensiamo non è neanche troppo.

Di nuovo come nella puntata precedente, mentre la storyline fra Nick e Jess continua ad annoiarmi, le dinamiche che scorrono parallelamente a loro fra gli altri personaggi sono state meglio costruite: Schmidt apre il suo nuovo appartamento a Coach e Winston, per sentirsi meno solo, lasciando loro la libertà di usarlo quando vogliono assieme alle sue funzionalità kamasutra incluse nell’arredamento. Il che, prevedibilmente, porta ad una serie di inconvenienti per cui i tre si ritrovano contemporaneamente nella casa con tre ragazze diverse dando il la ad una gran scena comica in cui la “ragazza” di Winston voleva persino buttarla in orgia (io l’avevo detto che era forte!). Fortunatamente i magnifici tre hanno reso divertente una puntata che fra una guest star (bella ma) inconcludente e la riesumazione di una Caroline sempre più psicopatica stavano rendendo fastidiosamente ripetitiva.

E voi, cosa ne pensate di questi ultimi due episodi “speciali”? I magici boccoli di Adam Brody hanno distolto la vostra attenzione dal resto o anche voi siete rimasti insoddisfatti della stasi in cui i Ness sembrano arenati? Vi siete scaricati l’intera discografia di Prince o siete rimasti impassibili di fronte al suo eccentrico ruolo in mezzo ai nostri amici? O anche qui la comparsata delle due supermodelle al suo party ha annebbiato la vostra capacità di giudizio? Fateci sapere cosa ne pensate! Intanto noi aspettiamo di vedere la prossima puntata, con Linda Cardellini nei panni della sorella di Jess.

Ringraziamo come al solito le pagine Tv, Cinema, Musica & Libri | Diario di una fangirl. | TelefilmSeries.Com | Telefilm. ϟ | Serie Tv, che passione ღ | Beyond the Good and the Evil | Who’s that girl? It’s Jess. • New Girl • | New Girl (Italia) | • Zooey Deschanel Italian Fanpage • | I meant something like that – Jake Johnson | Zooey Deschanel Italia | • Telefilm Dependence • | Serial Lovers – Telefilm Page | » Who’s that girl? It’s Jess | Telefilm. Un amore incondizionato | And. Yes, I love telefilms and films ∞ | Emozioni da Telefilm | ∞ Telefilm addicted | Serie Tv e film time | My fangirl level it’s over nine thousand | » Flawless ship. | Film e telefilm ossessione.

3 thoughts on “Recensione| New Girl 3×14 “Prince” e 3×15 “Exes”

  1. Naturalmente la puntata con Prince è piaciuta molto anche a me, quindi mi trovo d’accordo con ciò che hai detto. Però a me “Exes” non è dispiaciuta, anzi. Non parlo solo della presenza di Brody, ma in generale. Senza dubbio i Ness sono arenati, come dici tu, ma molti dialoghi rimangono divertenti e nonsense al punto giusto.
    Per il resto sono totalmente d’accordo: Schmidt rimane l’anima di questo telefilm!

    "Mi piace"

    • Pian piano però questa coppia si è un po’ ripresa, come avevi pronosticato un po’ di tempo fa, non credi? Nell’ultima puntata quel “power couple” esclamato da Nick con orgoglio mi ha fatto gongolare! 🙂

      Piace a 1 persona

      • Indubbiamente non c’è più quella smania di farli vedere sempre insieme che cominciava a stancarmi! Però devono ancora trovare la loro esistenza comedy E romantica insieme. D’altronde per Leonard e Penny c’è voluto tanto tempo (ed è un problema che ha affossato una stagione intera, in passato) ma ora l’equilibrio c’è. Magari per Nick e Jess il percorso sarà più breve 🙂

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...