Telefilm/The Following

Recensione | The Following 2×02 “For Joe”

Sto cercando di recensire più roba possibile per distrarmi dalla febbre a 39 che mi sto portando da giorni e dal fatto che ho un blocco dello scrittore nei confronti del duecentesimo episodio di How I Met Your Mother.

Per fortuna quest’episodio di The Following è riuscito a calamitare su di sè la mia attenzione per tutta la sua durata, grazie a una trama più solida e a dei personaggi che rispetto all’anno scorso sono meno “tagliati con l’accetta” in fatto di caratterizzazione.

Partiamo col dire che Joe Carroll è vivo.

E abita in Arkansas con una sua follower, Judy (interpretata da Carrie Preston, la Arlene di True Blood) e la figlia di quest’ultima, Mandy.

Finge di essere Daryl, il fratello di Judy, ritornato dalla guerra in Afghanistan, ma questa copertura riesce a durare solo un anno (anche se nonostante quella barba una persona più attenta poteva accorgersene subito) poichè il reverendo che frequenta casa di Judy lo riconosce e ha l’incauta idea di andarsene proprio durante un servizio sulla setta di Havenport, come a dire “ho capito chi sei, speriamo tu sia così scemo da non essertene accorto, ora me ne vado e lo dico a mezzo mondo”.

E’ ovvio che il nostro caro Joe non sia uno sprovveduto e allora decide di ammazzare il povero prete sotto gli occhi sconvolti della ragazzina, ricordandoci con i suoi gorgoglii la sua natura di mostro quale egli è.

Tutt’altra storia per Ryan, alle prese con la strana coppia i gemelli che decidono di renderlo partecipe degli efferati omicidi che stanno commettendo (ultimo sulla loro lista, una coppia di coniugi, con cui decidono di fare una cena post mortem) e che lo stuzzicano, mettendo in pericolo la vita dell’unica superstite dell’incidente sul metrò, Lily, con cui Hardy aveva stretto un forte legame emotivo.

Ryan però riesce fortunatamente a salvarla e in più spara anche a Luke, uno dei due gemelli.

E se da un lato si prende un richiamo da Mike e l’FBI per aver ostacolato le indagini e aver messo a rischio la vita di molti innocenti, dall’altro noi spettatori finalmente possiamo vedere qualche vittoria da parte dell’ex agente che dopo aver perso Claire e Debra a causa dei molteplici errori commessi stava perdendo fiducia in sè stesso.

L’episodio quindi mette in moto numerosi eventi: Joe alle prese col suo primo omicidio dopo aver cambiato identità, Luke che deve farsi curare per il foro di proiettile, Ryan che sta riunendo i pezzi e sta trovando la forza di rialzarsi ed infine, Emma e la scoperta che Joe è ancora vivo.

Proprio quest’ultima storyline è riuscita ad interessarmi perchè spero che da questa rivelazione nascano altri plot twist e la possibilità di uno scontro tra la vecchia e la nuova setta.

Per questa ragione mi dichiaro fiducioso su questa seconda stagione e sul suo potenziale, sperando che i ratings possano premiarla nonostante il calo di spettatori di questa settimana (pur sempre fisiologico, data la mancanza di un lead-in appropriato).

Ecco a voi il promo del prossimo episodio “Trust Me”:

Ringraziamo: Tv, Cinema, Musica & Libri | TelefilmSeries.Com | Beyond the Good and the Evil | Diario di una fangirl. | Telefilm. Un amore incondizionato | Serie Tv e film time | Gli attori britannici hanno rovinato la mia vita | I telefilm polizieschi, la mia vita | • Telefilm Dependence • | The Following Italia (FOX)

 VOTE AND SHARE!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...