Community/Telefilm

Recensione | Community 5×03 “Basic Intergluteal Numismatics”

Tralasciamo il fatto che la recensione della 5×02 è a metà nelle bozze.

Tralasciamo il fatto che è la prima volta nella mia carriera di recensore che non scrivo di un episodio di una delle serie di cui mi occupo.

Tralasciamo che pubblicherò probabilmente questa recensione contemporaneamente a quelle di Sherlock, Elementary, Beauty and The Beast e Revenge, azzerando così le possibilità che qualcuno possa leggerla.

Ed infine tralasciamo il fatto che i sottotitoli arrivino sempre verso domenica sera-lunedì.

Forse è meglio quindi se ci concentriamo su questo terzo episodio, il quale mi ha veramente colpito, data la sua particolare natura.

Già dai colori freddi, avevo intuito che sarebbe stato un’episodio “bizzarro”. (Ma quale episodio di questa serie non lo è in fin dei conti?)

Una misteriosa figura si aggira tra i corridoi del Greendale e prima che possiamo accorgecene, ha già colpito: l’Ass Crack Bandit è tornato.

Il preside indice una conferenza stampa ma nega che possa essere collegato alla serie di eventi accaduti negli anni precedenti.

Purtroppo non è così: iniziano così le indagini dello study group che vengono aiutati dall’amico di Jeff, il professore Duncan, questa volta in veste di profiler.

M’è piaciuto lo stile procedural dell’episodio (che in qualche tratto mi ha ricordato il più scanzonato “Basic Lupine Urology” della terza stagione) e ho apprezzato i numerosi riferimenti a Zodiac e ad Hannibal (serie e film).

Poi questo è stato un episodio particolarmente intenso per i shippers di Jeff ed Annie ed essendo un fan accanito della coppia, vi assicuro che più di una volta avrei urlato “E BACIATEVI, DAI!”.

Gli altri del gruppo fanno brevi apparizioni:

Britta compare in qualche scena, purtroppo per ricordarci che lei è “the worst”:

Shirley fa una breve comparsata all’inizio per poi tornare nella scena clou di cui vi parlo dopo.

Troy è una delle vittime e posso affermare che Donald Glover è stato bravissimo a fare la parodia del solito clichè dello schiaffo all’aggressore:

E Abed viene usato da Pelton poichè: “Abed, you’re special, can’t you just stand at the scene of the crime and see what happens?”

Pelton che in quest’episodio s’è comportato in maniera un po’ troppo “maschia” rispetto alla normalità:

O forse no..

La new entry, il professor Hickey, compare in più scene e mantiene la sua verve:

Ed infine Duncan, forse il personaggio che mi ha fatto divertire più di tutti:

Ma nessuna scena può equiparare questa:

L’episodio quindi risolleva le sorti dello show dopo una doppia première deboluccia e riesce come al solito ad essere sempre attenta alla continuity.

Infatti in quest’episodio rivediamo il ritorno di Starburns, che aveva finto di essere morto, e veniamo a conoscenza di una brutta notizia:

“Tonight’s celebration was cut short by some tragic news. Pierce Hawthorne, 14-year Greendale student, entrepreneur and expert heart attack faker, passed away. For real, this time. Pierce had been recently banned from campus, but not from our hearts. He survived by many ex-wives and all of us here at Greendale that called him friend. If you’re listening Pierce, you were a hell of a D&D player. It’s time to level up”.

Una notizia che sapevo già ma che non mi aspettavo venisse trattata in quest’episodio dato che a causa di ciò, la risoluzione del caso non avviene.

5x03-Ass Crack Bandit results caption

Ci sono un po’ rimasto male ma in fin dei conti è stato meglio così perchè ho trovato il finale molto bello e coeso col resto della puntata.

VOTO DELL’EPISODIO: 8 – – (un episodio molto carino, semplice nonostante la sua particolarità nel presentarsi)

COMMUNITY’S CONTINUITY:

  • L’Ass Crack Bandit era stato precedentemente citato nell’episodio “Intro to Political Science” quando Annie lottava per essere eletta presidente del corpo studentesco.
  • Fat Neil onora Pierce con quell’elogio di cui vi ho scritto prima e facendo riferimento alla battaglia di Dungeons & Dragons avvenuta nella 2×14.
  • Garrett ha nell’armadietto uno sticker della Hawthorne Gaming Technologies, già apparsa nella 3×20.

FIFTY SHADES OF REFERENCES:

  • Tra i programmi registrati da Abed ci sono The Bridge e Hannibal.
  • L’aria di Bach che suona nella scena in cui Jeff ed Annie analizzano le lettere dell’ACB è la stessa utilizzata in Zodiac in una scena simile.
  • Gli opening credits erano un riferimento a Red Dragon.
  • I figli di Shirley cantavano “Creep” dei Radiohead.

THIS IS THE END TAG, MY ONLY FRIEND, THE END TAG:

Come potete vedere, l’end tag mostra l’idea di Starburns e di come egli chieda l’aiuto della gente attraverso una sorta di crowdfunding.

Ringraziamo: Tv, Cinema, Musica & Libri | TelefilmSeries.Com | Beyond the Good and the Evil | Diario di una fangirl. | Serie Tv e film time | Telefilm. ϟ

BE SOCIABLE, SHARE!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...