Grimm/Telefilm

Recensione | Grimm 3×10 “Eyes of the Beholder”

Devo esser sincera: la puntata non mi ha entusiasmato molto e ha un po’ deluso le mie aspettative. Vista la puntata della scorsa settimana, e visto il promo, mi aspettavo qualcosa di più grandioso; qualcosa di più bad ass. Forse le mie aspettative erano troppo alte, e per questo ci son rimasta un po’. Ma è stata comunque una puntata guardabile, in un certo senso.

Ci sono sostanzialmente due storie: Alicia + Joe, il marito idiota + Juliette + Nick & il ‘caso della settimana‘. Anche il caso della settimana ha un po’ perso, rispetto agli altri: niente rolutte, niente frastullamenti per quale wesen si tratti, niente di niente. Pochissimi Mornoe&Rosalee, nuovamente. Anche se ho apprezzato il fatto che Hank e Nick siano andati a chiedere informazioni a Monroe e questa volta è ststa Rosalee ad aiutarli, con il suo passato da “drogata” e momenti bui. E mi è piaciuto molto il modo in cui Monroe l’ha guardata e non l’ha giudicata, nonostante il suo passato. Awh, my feelings. E soprattutto, Niente Capitano. A parte due scene ridotte, non c’è stato nessun passo avanti nella vicenda Royal Family ne Royal Baby, come se non fosse per nulla importante. Ma andiamo per ordine. Come mi ha fatto notare mio padre, sì anche lui segue Grimm subbato, a Portland ormai vivono solamente Wesen. Sta diventando una sorta di Mystic Falls, e gli umani iniziano a scarseggiare.

In una tavola calda in un quartiere un po’ malfamato (?), un ragazzino, quale Jared, disegna ad un tavolo e la cameriera, nonchè fidanzata, quale Joy, non si preoccupa del suo boss e continua ad andare al tavolo, per parlare con il suo #trueLove. Il ragazzino, che ha fregato di nascosto la macchina alla sorella, deve andare, prima che questa si svegli e lo apra come un pollo alla diavola. Sta per andarsene quando assiste a qualcosa a cui non dovrebbe assistere: una ‘regolazione di conti’ tra bande rivali. Bande di wesen, tutti Yaguarete per la precisione. Una sorta di Giaguari (?) poco socievoli. Il ragazzino prima gli urla contro, poi se la fa addosso e scappa, veloce quanto #Flash, ma preso dal panico passa con il rosso ad un semaforo e CHEESE, viene fotografato dall’autovelox o come lo chiamino gli americani. Risaliti al proprietario della macchina, Hank e Nick si trovano di fronte a Zuri, la fisioterapista di Hank che abbiamo conosciuto la settimana scorsa. L’avevo detto che era stata messa lì per un motivo ben preciso. La povera (?) Zuri, nonchè sorella di Jared, non ne sa niente, ma non appena Jared torna a casa, scappa a gambe levate alla vista dei poliziotti. Diciamocelo, sto ragazzino non ne fa una giusta.

Zuri non crede a quello che i due detective le dicono, e sostiene l’innocenza del fratello. Anche Hank e Nick sono consapevoli che il ragazzino non ci azzecchi con l’omicidio, ma sanno che ha visto qualcosa. Qualcosa che potrebbe aiutarli a prendere questi tizi. E qui, visto che Jared non ne vuole sapere di parlare, vanno a chiedere aiuto a Monroe, ma è Rosalee che li aiuterà: il suo passato da bad girls li aiuta a scoprire che la banda che ha commesso l’omicidio è una banda di Seattle che si odia con quelle di Portland, motivo per il quale hanno ucciso Mr Alonzo (si chiamano tutti Alonzo, perchè?) e massacrato la sua fidanzata. Insomma, persone per niente socievoli dalle quali è meglio star lontani. E poi, quando qualcuno ha un tatuaggio sul collo, non porta mai niente di buono. Se mai dovessi incontrare qualcuno con il collo tatuato, potrei anche mettermi ad urlare.

Hank, che nel frattempo ci prova ancora con Zuri, la chiama con un tempismo perfetto: i ragazzacci della banda sono andati a prendere il ragazzino, prima che possa spifferare ciò che ha visto alla polizia, mentre, il terzo bad boy, ha rapito la povera fidanzata Joy. La Portland PD arriva in men che non si dica, mi chiedo se fossero stati appostati dietro l’angolo, ed evitano un’imminente tragedia. Già me lo immaginavo Hank con il desiderio di vendetta, che non ascoltava più nessuno e bla,bla,bla. Jared decide così di parlare e insieme alla sorella, riconoscono i componenti della banda di Seattle, facendo scattare un mandato di cattura nei loro confronti. Intanto, fratello&sorella, vengono portati in un motel (?), in un luogo sicuro, sorvegliati giorno e notte da Wu Hank, e tenuti lì, finchè la questione non si risolve. Vengono sottratti loro anche i telefoni, ma, quando il #trueLove chiama, non si può certe metterlo da parte e così Jared prende di nascosto il telefono di Hank e chiama Joy. Ennesima mossa sbagliata ragazzino. Joy, tenuta prigioniera dalla banda, dice a Jared di trovarsi a casa sua, e di andare da lei. Rischiando di farsi ammazzare però, riesce a dirgli che la stanno tenendo prigioniera e, neanche il tempo di metter giù, lui sta già correndo verso casa di lei, per andare a salvarla. Ah, il #trueLove. (Snow -OUAT- ne sarebbe fiera!)

Quando Hank se ne accorge, l’intera Portland PD arriva sul posto, e si scatenano un susseguirsi di scene #action: la banda prende Jared e lo lancia a terra. Si accorgono dell’arrivo dei poliziotti, così due dei brutti ceffi vanno a sistemarli, ma se la devono vedere con Hank e Nick, mica due poliziotti qualsiasi, ergo ci rimettono le penne, o il pelo. Il ragazzino flutta (?), diventando anch’egli un Yaguarete e stende il tizio. Per farla breve, i due piccioncini riescono a fuggire, ma l’ultimo tizio sopravvissuto, sta per far fuori Jared quando arriva Zuri, anche lei una Yaguarete, ma wtf?, e via, lo assassina come solo Joseph Morgan, ergo Klaus, sa fare. Hank, nonostante la visione raccapricciante, la difende a spada tratta con Nick, dicendo “non aveva altra scelta“. Ora, parlandoci chiaro: non mi ha mai entusiasmato Hank come personaggio; a dir la verità, parecchie volte mi è stato un po’ sulle balle, e qui, ha toccato il fondo proprio. Va bene l’amore, e l’essere coinvolto troppo in un caso, ma dai, l’ha mangiucchiato come se stesse mangiucchiando una pannocchia! Sii razionale. E invece no. E lo stesso vale per Nick: non è che se il tuo amico ti dice “oh ti prego, lei potrebbe essere il mio #trueLove” tu la lasci stare così, insabbiando il tutto. Ma siamo a Portland e quindi tutto è lecito probabilmente. Tutto finisce quindi per il meglio, con Hank che prova ancora a fare il belloccio (?) della situazione, nonostante lei non sia ancora pronta per una relazione con un umano a tutti gli effetti e, lo scopriremo nelle prossime puntate! Forse è proprio questo il motivo per cui la puntata non mi è piaciuta granchè: l’essere stata un po’ troppo Hankcentrica. NON ci sono state ricerche sui wesen della situazione; abbiamo visto un Nick poco bad ass e abbiamo scoperto che tutti a Portland sono dei wesen, nel profondo. Soprattutto mi chiedo: come mai non si sono mostrati fratello&sorella? Insomma, quando sono spaventati o hanno emozioni forti, non dovrebbero fluttare (?), in un modo che solo Nick li può vedere?

Altra storia della settimana, quella di Alicia, l’amica di Juliette. Sta ringraziando per l’ennesima volta Juliette e Nick per l’ospitalità, proprio mentre Joe, il marito idiota, li sta osservando dall’altra parte della strada. Nick decide che Juliette deve sapere che una delle sue migliori amiche è una wesen, del tipo di Rosalee, il che solleva Juliette. Ma alle parole: comportiamoci normalmente, Juliette proprio non ce la fa e una volta rimasta da sola con l’amica, le dice di sapere tutto. L’aver vomitato sincerità addosso ad Alicia provoca un’incazzatura non indifferente, facendo cercare disperatamente alla donna un nuovo appartamento dove andare. Quando Nick rientra a casa, Juliette lo mette al corrente sull’accaduto e Nick le chiede di comportarsi tranquillamente, cosa che le ha suggerito anche Rosalee. Ma, non c’è l’uno senza il due (?) e Juliette le vomita addosso nuovamente la verità e il fatto che Nick sia un Grimm. Seriously? Tu per calmare la tua amica wesen, gli dici che il tuo fidanzato è un Grimm, conosciuti come “boia” di wesen? Alicia si spaventa, cerca di scappare, ma Joe la ferma, presentandosi davanti alla porta di casa. Iniziano altre scene action, che ho preferito di gran lunga a quelle di prima, sopratutto perchè ha fare il lavoro grosso non è stato il Grimmo, quasi svenuto sul pavimento, ma Juliette, che sfoderando delle mosse alla Lara Croft, mette al tappeto Joe, che tenta
di impressionarla con il flutto, ma non funziona e quando Nick arriva, OMG!A GRIMM!, Joe ne rimane terrorizzato, andandosene più veloce della luce, giurando di non importunare più la ormai ex moglie. Anche qui tutto finisce per il meglio, e Alicia è pronta a mostrarsi per com’è davvero a Juliette, togliendo ogni segreto e ritornando ad essere le amiche di sempre.

In conclusione, la puntata è stata guardabile, anche se con molti punti mancanti, elencati sopra, e sperando nel prossimo episodio, vi lascio il promo.

 E ringrazio:  Tv, Cinema, Musica & Libri | Diario di una fangirl. | TelefilmSeries.Com | Serie Tv, che passione ღ | Beyond the Good and the Evil | Serial Lovers – Telefilm Page | Telefilm Passion ღ | » Flawless ship. | Serie Tv e film time

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...