Grimm/Telefilm

Recensione | Grimm 3×09 “Red Menace”

Il grimmo e’ tornato. Dopo un ‘breve’ periodo di pausa natalizia -che non so se lo considero breve io perche’ c’ho messo una vita a vedere le puntate e scrivere la recensione, oppure e’ stato realmente breve rispetto agli altri anni- siamo tornati alla non normalità di Portland e i suoi cittadini, con una puntata che apre (?) una seconda parte di stagione che si preannuncia decisamente piu’ bad ass della prima. Forse il promo della prossima puntata mi ha influenzato, non lo so, ma ho questo presentimento. Anyway. Grimmsters, riuniamoci tutti e andiamo a recappare (?) quest’episodio, dalla Russia con Amore. (?)

Ritorno alle origini. I segni dei primi minuti di quello che e’ stato il pilot cerano tutti: musica pesante (?), una ragazza che corre nel bosco, qualcuno di dubbia presenza che la segue, l’ansia che sale e TROLL, di quelli belli grossi: e’ solamente Nick che sta facendo del jogging mattutino, che lanciando un sorrisetto alla ragazza, la sorpassa e se ne frega di averle fatto prendere un colpo e perdere 15 anni di vita. Quando rincasa Juliette e’ perplessa dal fatto che pur andando a correre, non ha sudato. Ce l’avessi io sta fortuna; non che io vada a correre, ma un cammello suda meno di me, seriously. L’aria si fa un po’ pesante:  Juliette e’ sempre piu’ preoccupata del post zombie di Nick, a differenza di Nick che sembra quasi contento di aver acquistato qualche potere qua e la. A
rompere quest’aria tesa, arriva la telefonata di Alicia, amica di Juliette -e sposata con l’idiota; cit Nick- che le chiede aiuto: il marito, Joe, l’ha picchiata per l’ennesima volta mentre era ubriaco, e la sta minacciando (?). Lei approfitta del momento in cui lui esce di casa per chiedere aiuto all’amica e fuggire, andando a casa loro. Una volta arrivata, mentre la tranquillizzano, lei flutta (?): oh, she’s a wesen.

Saltiamo a Vienna, dove Adalind va all’appuntamento che il Capitano le ha dato, al bar e la mette in guardia sulla Famiglia reale. Sono dei paranoici fissati, come se questo ancora non fosse chiaro, e la morte di Eric li ha fatti diventare ancora piu’ paranoici. Il capitano le sbatte in faccia la questione Royal baby, cosa che Adalind non si aspettava e via, se ne va, lasciandola un po’ con l’amaro in bocca. Mi chiedo COSA ci faccia ancora Adalind a Vienna. Se la faceva con Eric, okay. Ma Eric e’ morto e lei, cosa centra con tutta la Royal Family? Solo perche’ uno dei due fratelli e’ il padre del bambino? I don’t know.

Ritorniamo a Portland, dove un tizio sta guarendo una donna con un piede nella fossa. Capiamo subito che si tratta del wesen della situazione (?). Prima dalle mani, poi da tutto il resto. E’ un guaritore russo, Boris Myshkin, Koschei per il popolo wesen. E per una persona guarita, un’altra sta complottando alle spalle del guaritore per farlo fuori. Si tratta di Alex Renko, altro russo, che complotta con qualcuno di far fuori Mysha alla festa della sera che sarà data proprio in suo onore, per ringraziarlo di tutti i ‘miracoli’ che ha fatto. Alla festa, dopo aver ringraziato e dopo aver parlato come Joe Bastianich, Mysha viene aggredito
da Renko, uccidono un poveraccio di un cameriere, che rifilano nella cella frigorifera, ma Renko fallisce: Mysha lo afferra per polsi, trasmettendogli tutto il ‘male’ e inducendolo ad una morte lenta e dolorosa. E, sempre  a Portland fa il suo ritorno il Capitano. Nick lo va subito ad accogliere per sapere i dettagli della gita fuori porta a Vienna. Renard dice di essere stato attaccato dal Verrat, ma niente che non abbia potuto risolvere e che entrambi sono una grande minaccia. Proprio per tranquillizzare tutti insomma. E, sempre ancora a Portland, Hank sta facendo fisioterapia per il tendine o quel che si era rotto nella scorsa stagione. Ci fanno intuire che ce’ stato un luuuungo periodo antecedente di appuntamenti, ergo, ci han fatto vedere l’ultimo proprio perche’ dovevano infilare in mezzo la fisioterapista, con la quale Hank ci stava provando spudoratamente. Ho letto uno spoiler, quindi so, piu’ o meno, che ruolo avrà lei. Diciamo che, l’hanno infilata in mezzo per un motivo ben preciso, e non a caso. Così evitiamo ogni tipo di spoiler per chi non volesse rovinarsi le sorprese.

Intanto, a casa di Mysha, la moglie Olga sta piagnucolando in camera, quando la cameriera, tale Larissa, entra in camera provocando una certa rabbia nella donna, che la tratta a pesci in faccia, insinuando che se la faccia con il marito. Larissa incassa il colpo -ah, quando si tratta di true story come stan zitte- e se ne va, e noi vediamo che ‘oh, she’s a wesen‘ anche la moglie del guaritore. Wesen non definito, visto che nessuno se l’ha minimamente considerata durante tutta la puntata. Trovato il corpo del cameriere nella cella, tale Ivan Markov, il trio medusa (?) va a parlare con Mysha e Renard trolla lui e la moglie, sfoderando il suo accento super sexy russo. Ora spiegatemi quale lingua quest’uomo non sa. E soprattutto, in quale lingua non ispira del sesso. Non risolvono molto, visto che sviano subito i dubbi del trio, che lasciano la casa, non prima che il capitano abbia fatto lo splendido con Larissa.

Vengono avvisati che Renko, aggressore del guaritore, e’ stato trovato morto nella vasca da bagno, putrefatto aggiungerei, nell’hotel dove soggiornava, e partono così le ricerche in roulotte. Oh, guarda, ce’ anche Monroe. PESSIMA scelta di esiliare quasi del tutto Monroe dalla puntata. E altra pessima scelta di esiliare proprio del tutto Rosalee dalla puntata, anche se ultimamente non e’ stata la Rosalee che era ai primi tempi. La convivenza me l’ha sciupata un po’, anche se li shippo tantissimo insieme. In roulotte riescono a trovare dei documenti risalenti al 1916 e a Rasputin, che svelano l’essere un Koschei anche lui. Questi wesen possono essere uccisi, anche se con un po’ di difficoltà (?) perche’ un loro tocco puo’ esser fatale. E l’abbiamo visto. Arrivati sulla scena del ‘crimine’ la visione e’ un po’ raccapricciante; stanno cercando indizi quando il cadavere di Renko resuscita, strusciandosi su Hank, ed obbligando così tutti e tre, Hank, Nick e Wu, a sottoporsi ad un ‘controllo’, una doccia *grimmo mezzo nudo non fa mai male* e a trasformarsi in Ghostbusters alias RIS derisi da tutti.

Il Capitano, non convinto da Mysha, contatta i suoi agganci russi *ha passato due anni insieme alla madre da bambino in Russia* per avere informazioni sull’uomo. Il tizio gli dice che prima di diventare un guaritore Mysha era un assassino per l’FSB, i servizi segreti russi. Ora la mia domanda e’: se ce’ stato da bambino in Russia, come puo’ avere questi agganci ora? Anyway. Renko viene portato all’ospedale, dove riceve la visita di LEI. Ma lei, who is? Olga? Altra vista che riceve, e’ quella del trio della giustizia di Portland. Renko, prima di rimanerci del tutto gli dice che Mysha aveva ucciso suo padre e ucciderà anche LEI. Mentre il trio cerca di capire chi e’ LEI, a casa del guaritore stanno girando un film porno diretto da Rocco Siffredi. Ah no, e’ solamente Mysha che, dopo una breve ‘litigata’ con la moglie, se la fa con la cameriera, Larissa, e la vodka. Vodka che, e’ stata avvelenata da LEI. E lei e’ proprio lei, Larissa, ergo, sorella di Renko, in cerca di giustizia. Mysha, scoperto che il padre della cameriera e’ un tale Sergei Komarov, chiede perdono, era una persona cattiva all’epoca, ma ora non lo e’ piu’. Accecata dalla vendetta, e visto che la
sua vodka avvelenata non ha fatto effetto, lo pugnala (?) al petto. Il trio della giustizia arriva in casa, giusto in tempo per assistere al susseguirsi di scene: Larissa fugge giu’ per le scale, seguita da Mysha che implora perdono. Olga fluttata (?) in cinghiale o quel che e’ lei nel mondo wesen, le apre in due la gola. Mysha, per farle vedere che e’ una persona diversa, la guarisce e ci lascia definitivamente le penne. Olga e’ sversa sul suo corpo, in lacrime. Ergo, hanno chiuso da soli il caso della settimana, senza troppi complimenti.

 

Finiamo con la famiglia (?) Burkharhdt a casa. Nick chiede come’ andata la giornata delle due donne, ma un’altra telefonata rompe la loro chiacchierata: e’ Joe, l’idiota, che chiede se Alicia e’ lì. Mentre Juliette cerca di sviarlo, Nick prende il telefono e crea quello che sarà il putiferio. Joe capisce che la moglie si nasconde da loro e ‘oh, he’s a wesen‘ pure lui, appostato fuori casa, piu’ incazzato che mai.

Conclusioni
– Piu’ Monroe e Rosalee nella seconda parte di stagione.
– Piu’ situazioni bad ass, come sembra mostrarci il promo della prossima puntata.
– Ancora tanto Capitano che parla in quei suoi accenti sexy. 
– Il royal baby nascerà prima della fine della stagione? Qualche spiegazione in piu’ in quel di Vienna.

VI LASCIO CON IL PROMO DELLA PROSSIMA PUNTATA, CHE COME HO GIA’ DETTO, SEMBRA ‘PRESENTI’ UNA SECONDA PARTE DI STAGIONE ALQUANTO BAD ASS. 

E CON QUESTE MERAVIGLIOSE PAGINE CHE RINGRAZIO. Tv, Cinema, Musica & Libri | Diario di una fangirl. | TelefilmSeries.Com |Telefilm. ϟ | Serie Tv, che passione ღ | Beyond the Good and the Evil | Serial Lovers – Telefilm Page | Telefilm Passion ღ | » Flawless ship. | Serie Tv e film time

2 thoughts on “Recensione | Grimm 3×09 “Red Menace”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...