Cattivissimo Me/Telefilm

Cattivissimo Me | #1

Salve a tutti! Questa è la nuova e fiammeggiante (?) rubrica di parolepelate!
Di che si tratta? Be’, dovrei dire: leggete per scoprirlo! Però vi do una spiegazione veloce, veloce!

In ogni telefilm – finito da anni o che vada ancora in onda – c’è sempre un cattivo. E uno tra i tanti va anche amato, oltre che odiato (questo succede solo se il cattivo viene caratterizzato per bene) e quindi abbiamo deciso di parlare dei nostri cattivoni preferiti – da qui il titolo della rubrica!.

Spero sia di vostro gradimento e… buona lettura!

Dan Scott
One Tree Hill

Mi piace l’idea di iniziare con il primo show che io abbia mai visto, oltretutto il mio preferito.
One Tree Hill era uno show “genuino” con un po’ troppo drama forse, e non ha avuto molti “antagonisti” nel corso di nove stagioni, ma sicuramente Dan Scott è quello che mi ha fatto provare diverse emozioni.
Oltretutto lui era l’uomo che non moriva mai. Era.

La cosiddetta cattiveria di Dan inizia ai suoi diciotto anni, quando è innamorato di Karen Roe, al liceo, e lei resta incinta. Anziché sposarla o prendersi per lo meno le sue responsabilità di padre, nei confronti di Lucas, va al College dove incontra Deb, ma vuoi per gioco del destino – vuoi per la mano di Mark Schwan – anche lei resta incinta dando alla luce, a poca distanza di Karen, il piccolo Nathan Scott.
Solo che Deb se la sposa e fa crescere Nathan nella bambagia, anche se proietta su quel figlio prediletto tutti i sogni che non è riuscito a raggiungere: vincere il campionato di Basket a Tree Hill, diventare un giocatore professionista…
E quando anche Lucas entra nella squadra ecco che lui inizia ad aizzare i figli uno contro l’altro. Questo lo rende decisamente un cattivo soggetto, ma di certo non è la sua colpa più grande.

Dan Scott ha ucciso, a sangue freddo, suo fratello maggiore Keith Scott.
Quale personaggio si merita la redenzione dopo un atto del genere? Era convinto che Keith avesse cercato di ucciderlo, dando fuoco alla concessionaria dove lui “dormiva”, drogato. In realtà fu sua moglie, Deb, a drogarlo e a dar fuoco allo stabile con lui dentro. Ma ovviamente non è morto.
È stata una scena crudele. Un ragazzo aveva fatto irruzione nella scuola con una pistola in mano, sparando qui e lì, e quando Keith entrò, cercando di farlo ragionare, ma Jimmy si uccide. A quel punto arriva Dan, l’allora sindaco di Tree Hill, e lo uccide.

Anni dopo Lucas scoprì la verità e lo stesso Nathan.

Dan era prossimo alla morte anche in un’altra occasione: aveva problemi al cuore, aveva bisogno di un trapianto. Quando arrivò un cuore per lui la valigetta cadde e un cane si mangiò il cuore. Ammetto di aver goduto a quella scena. Peccato che poi uccise un altro paziente per avere il cuore destinato a lui.

Un’altra occasione arrivò quando la tata del figlio di Nathan, rapì suo nipote, James. Dan – nonostante la sua cattiveria – voleva farsi perdonare dai figli, a conoscenza anche della storia di Keith, e fece di tutto per salvare il ragazzino. Peccato che Carrie, la tata, lo legò, lo sedò, gli fece addirittura mangiare scarafaggi vivi.
Ma visse lo stesso e salvò pure James, Haley e Deb!

E sono questi i casi in cui ti trovi a tifare per il cattivo e ti chiedi: ma è giusto? È giusto se fino ad un attimo fa volevo che scomparisse? Credo sia questa la peculiarità dei cattivi, tirar fuori un lato… umano, forse, positivo sarebbe meglio dire.

Alla fine, comunque, nella nona stagione, Dan Scott morì. E morì salvando suo figlio.

È ironico, no? Le buone azioni di Dan Scott furono davvero, ma davvero rare. In questo momento me ne vengono in mente tre: il salvataggio di suo figlio, l’aiuto che diede ad un vecchietto ad attraversare la strada e che morì un attimo dopo…
E la terza fu il rilasciare un assegno a Mouth, poco prima della morte, dicendogli “Quello che fai conta”.
Mouth era il migliore amico di Jimmy.

Probabilmente la sua morte fece piangere tutto il fandom di OTH perché fu una puntata memorabile, perché ci fu la redenzione di Dan. Perché Nathan ed Haley lo perdonarono, ma non Lucas.

Well, I wasn’t there for his life. I can’t expect him to be here while I’m dying. Besides, I robbed him of the only father he ever knew. Haley, I never a apologized to you. Keith was a big part of your life. And I took him from you too. Haley, I’m so sorry.

E non so, dopo nove stagioni mi ero affezionata a questo personaggio così complesso, così solo in fondo. Lui metteva tutti all’angolo, ma a lui era successo prima. O, per lo meno, era lui che si sentiva inferiore agli altri e ha scelto il modo peggiore per farsi valere.

The day I shot Keith, I was in a dark place. I was convinced that he tried to kill me. I’d lost you, I divorced your mom, my life was spiraling downwards, and meanwhile Keith was building a new life with my high school sweetheart and the child I abandoned, and every time I looked at him, I felt like I was punched in the gut.


Keith l’ha perdonato. Noi lo abbiamo perdonato.
Abbiamo pianto la sua morte e lo abbiamo ringraziato per essere stato chi è stato.

Tate Langdon
American Horror Story

Tate Langdon. Cosa dire su di lui? Un classico psicopatico, privo di empatia, che si diverte ad uccidere ogni persona che gli passi davanti. Ma hey, non è finita qui.. oltre ad essere uno pazzo psicotico in tutti i suoi significati, è anche uno stupra-madri (roses are red, violets are blue, i fucked your mom before i fucked you) e, cosa da non sottovalutare, un fantasma.
Adorabile, no? *-*
Ebbene sì, dato che la maggior parte del fandom di American Horror Story (ovviamente stiamo parlando di quello femminile) è innamorata di lui. Me compresa, non lo nego.
Pensavo di essere l’unica, o almeno una delle poche, ad essere attratta da tutti i killer psicopatici possibili che esistono – sia nelle serie televisive, sia nei film e sì, anche nei libri – ma a quanto pare mi sbagliavo di grosso.

“Uccido le persone che mi piacciono. Qualcuno mi implora di non ucciderlo, ma io non provo dispiacere. Non provo niente… Viviamo in un mondo schifoso, questo mondo è schifoso e debole. E, sinceramente, mi sento come se li stessi aiutando, sottraendoli alla merda, al piscio e dal vomito che riempie le strade.”
American Horror Story 1×01 “Pilot”

Con questa frase, entra in scena nella serie, e fa ballare il ballo del qua qua ai nostri ormoni.. e, con l’andare avanti degli episodi, si rivela ancora più deviato di quanto pensavamo fosse nel primo episodio.
Ma entriamo più nel “personale” – prima lo ho descritto come un pazzo killer psicotico, stupratore di madri e un fantasma della Murder House, quindi..

  • Perché è un fantasma? Come credo saprete benissimo, nella Murder House i fantasmi si mescolano tra gli umani.. e chiunque muoia in quella casa, rimane intrappolate lì dentro per sempre. Tate è nato nel 1977, e nel 1994, in preda ad una crisi psicotica, arriva nella sua scuola armato di un fucile, ammazzando senza alcun rimorso 15 adolescenti innocenti. E poi sì, credo proprio se ne sia tornato a casa tranquillamente, sporco di sangue e con un fucile, per strada.. dato che nella scena successiva lo vediamo a sedere sul letto di camera sua, a rimuginare su non cosa (solo uno psycho lo potrebbe constatare). Ed è qui che arriva la SWAT che, costretti dall’impulsività di Tate, gli sparano tipo 325456455 proiettili nel petto, ovviamente uccidendolo. E siccome è morto a casa sua, nella Murder House, è rimasto e rimarrà per l’eternità intrappolato lì dentro, come si dice forever young.
  • Perché è uno psicopatico? Beh, sinceramente ho perso il conto di tutte le morti che ha causato.. credo siano 18, o forse di più. Il suo disturbo psicologico è più che altro causato dalla relazione che ha con la madre: c’è molta tensione tra di loro, Tate ha anche ammesso di odiarla nel settimo episodio – questo odio nei confronti della madre è dovuto dalla sua negligenza come genitore e dall’abuso verbale, verso un Tate bambino, durante i suoi periodi di rabbia da ubriaca. E’ cresciuto senza padre, e incolpa costantemente sua madre per il suo abbandono (poi scopriremo che in realtà l’ha ucciso). Inizialmente, questo disturbo lo porta ad avere fantasie/visioni omicide riguardo i suoi compagni di scuola, e, con l’aiuto della droga, ad attuare queste sue fantasie (la sparatoria a scuola di cui ho parlato prima).
  • Perché è uno stupratore di madri? Oh, qui la storia si fa alquanto “interessante” e perversa. Sappiamo del rapporto di Tate con la madre – quindi, quando ancora era un bambino, ha riversato la sua figura materna su un’altra donna, anch’essa un fantasma della Murder House, il primo per l’esattezza, Nora Montgomery. Sta di fatto che Nora, dopo aver assistito all’assassinio di suo figlio quando era ancora umana, è rimasta bloccata con l’idea di rivolere indietro suo figlio, ma sembra andargli bene anche un qualsiasi altro bambino. Per questo Tate fa di tutto per potergli dare un figlio, e quando nella Murder House arrivano gli Harmon, lui non esita nemmeno per un momento a saltare addosso a Vivien, con tanto di tutina di gomma fetish per non farsi riconoscere, mettendola incinta. Ma, ahimè, Vivien è la madre di Violet, di cui lui si innamorerà.. ma quando il danno è fatto, sono ca**i amari.

 

Ma il nostro Tate non rimarrà sempre così: la relazione amorosa che ha con Violet Harmon, lo ha in qualche modo “calmato” e fatto diventare molto più amichevole, anche se non abbandona del tutto i suoi atti da psycho.. dato che per proteggere Violet dalla verità, fa del male ad un sacco di persone, compresi i genitori Harmon.

Come ho detto prima, Tate è nato nel 1997 e, essendo stato adolescente negli anni 90, ha uno stile molto grunge. Gli piacciono i Nirvana, in particolare Kurt Cobain (non è strano che Kurt si è ucciso nello stesso anno in cui Tate uccide i suoi compagni di scuola e muore?), da cui riprende il modo di vestire.

“Il diavolo è bellissimo. Tate è il vero mostro di questa stagione.”
Ryan Murphy su Tate.

hanno collaborato all’articolo – in ordine di personaggio –
thefailedgirl e swolfpacks.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...