Libri

Recensione | Middlesex – Jeffrey Eugenides

    Titolo: Middlesex

    Autore: Jeffrey Eugenides

    Genere: Narrativa straniera, Moderna e Contemporanea

    Pagine: 606p.

    Editore: Mondadori (tradotto da Bagnoli K.)

    Prezzo: € 19.00 / € 6.99 in ebook

_________________________________________________

Trama
Calliope, detta Callie, poi Cal, una rara specie di ermafrodito, ha vissuto i primi quattordici anni della sua vita come bambina, senza che nessuno si accorgesse della sua anomalia, fino a quando l’arrivo della pubertà l’ha sottoposta (sottoposto) a inevitabili trasformazioni. E adesso, uomo adulto, vuole scoprire le origini della mutazione genetica responsabile di questa sua “eccentricità biologica”, e per farlo ripercorre l’intensa, drammatica e a sua volta alquanto “eccentrica” storia della famiglia Stephanides.

Ho rimunginato a lungo, prima di iniziare a scrivere questa recensione. Perché?
Perché ci sono tanti libri, al mondo, e nella mani di un lettore ne passano davvero pochi rispetto a tale numero.
Middlesex è un libro che una mia amica ha trovato sotto la dicitura “libri erotici”. Perché l’abbiano considerato così, non saprei.
Ma, come dicevo, passano un numero assurdo di libri tra le mani di chi ama leggere, ma non tutti i libri ti si insinuano nel profondo e non dico ti cambiano la vita, ma quasi.
Io dico che Middlesex è uno di questi, per me, insieme ai libri Proibito, La fine di Alice, Amabili Resti e le saghe de Il Cavaliere d’Inverno e quella di Twilight per altri motivi.
Posso dire che Middlesex inizia ai giorni nostri, nel nord Europa, e al tempo stesso posso dirvi che ha tutto inizio a Smirne, nel lontano 1922 o poco prima.
Vi spiego, il libro parte con Cal che inizia a raccontare della sua vita e del modo in cui è venuto al mondo. E Cal proviene proprio da quella cittadina.
*
Come avrete potuto leggere dalla trama Cal è un ermafrodito, è quindi nata come Calliope Stephanides.
Di certo per leggere questo libro bisogna che siate privi di pregiudizi e di mente molto aperta e no, non sto dicendo che io lo sono e mi voglio fare un vanto di tutto ciò. Ma è la verità.
I nonni di Cal erano fratello e sorella, scappati dall’incendio di Smirne (realmente accaduto) e che hanno finto di conoscersi sulla nave, mentre si dirigevano in America, fino al momento in cui si sono sposati.
Desdemona e Lefty, questi i loro nomi, avranno due figli e vivranno in compagnia della loro cugina, l’unica a sapere la realtà su di loro. Lei avrà poi una figlia che sarà la madre di Cal e suo fratello, perché si sposerà con Milton Stephanides.
Capirete, dunque, che i geni di questa famiglia si sono mischiati e rimescolati più volte come se fossero un semplice mazzo di carte.
*
Ma ovviamente il libro non si soffermerà solo su questo, assolutamente no. È un libro che – come amo dire – tratta di più cose e lo fa tutto insieme.
Abbiamo l’incesto, abbiamo la segregazione razziale a Detroit e lo sviluppo industriale. Abbiamo la seconda guerra mondiale e la guerra del Vietnam. Abbiamo un leggero avvicinamento al culto di Allah, alla povertà e alla ricchezza.
C’è la realtà di giovani innamorati, di comunità greche che continuano a pregare il loro Dio anche nell’America degli anni ’60.
Ed è un libro scritto bene. Dannatamente bene. Mai superficiale, sempre attento ai particolari, alle emozioni.
*
Ammetto di essermi sentita un po’ confusa, all’inizio del libro, quando Cal parla di se stesso come una ragazza.
Ma dopo un po’ ho afferrato il senso, sono riuscita a dare una strada parallela a quei ritorni al presente e la stessa cosa ho fatto con le molteplici storie raccontate in quelle pagine. Perché non è solo la storia di Cal o di quei due fratelli innamorati che non si sono quasi più toccati. Non è solo la morte delle persone care. C’è tutta una vita, lì dentro.
E sono le cose che mi piacciono, quelle particolareggiate, che ti fanno innamorare di più personaggi, di farti provare empatia nei loro confronti, immaginandone quasi le reazioni.
*
E per essere sinceri, voglio dire anche che leggevo e leggevo e non sembrava finire mai, anche se non era lento o magari statico, tutt’altro. Eppure so che non è stata solo una mia impressione, questa.
Ad ogni modo, dopo il grande “preambolo”, che non considero tale, il libro si concentra sulla scoperta di Calliope, una ragazzina di 14 anni, che non è solo una donna.
E anche se io o tu, futuro lettore, non sei un ermafrodito, ti senti spesso e volentieri come lei: fuori posto, non appartenente al tuo corpo, alla tua vita.
L’autore fa questo, poi, esplora la sessualità di Calliope fino a farle capire, con una visita specialistica, quello che lei è: nè una vera donna, nè un vero uomo, in quanto è nata con entrambi gli organi sessuali.
E da qui inizia la sua vita, la sua scelta di essere Cal così com’è. Inizia la sua strana e variegata vita, tra scelte giuste e sbagliate, che possono fargli male e che mi hanno intristito da morire fino ad averlo portato in Svizzera dove non riesce ad avere rapporti seri con le donne. Fino a.. ad un finale aperto che mi è piaciuto da morire.
*
Quindi sì, leggetevi questo libro, amate ogni personaggio di questa storia. Conoscete gli aspetti di persone che magari non s’incontrano ogni giorno e di cui non sapreste nulla.
Amate Desdemona e Lefty e il caratteraccio di Milton e di suo figlio e poi Calliope e ancora Cal.
Amate, perché i libri belli vanno vissuti ed amati.

voto: 5+/5
ma più che altro, vi dico solo: leggetelo!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...