New Girl/Telefilm

Recensione | New Girl 3×05 “The Box”

Ovvero dei Funerali del fu New Girl.

Inizierò questa recensione cercando di mantenere la calma ed elencando con lucidità e serenità le cose che ho apprezzato di questo nuovo episodio di New Girl:

  • il pigiama di Jess nelle prime scene. La flanella, sebbene priva del fondamentale requisito della sensualità, ispira comunque simpatia, e questa, in particolare, mi ha ricordato una certa camicia che mia madre indossava quand’ero piccola.
  • Il vecchietto al bar che “you give me 50 dollars, I’ll show you my private parts”. Inquietante e tenero al tempo stesso, la sua espressione gongolante meriterebbe un riconoscimento ufficiale.

  • La musichetta yiddish che parte mentre Schmidt urla YOLO ai giovani apprendisti del bar mitzvah.
  • Le meravigliose borsette vintage di Jess.

Tutto ciò che non è stato citato in questo breve ma esauriente elenco, potete considerarlo privo di alcun interesse. Perché devo dire che la mia attenzione ha talmente vagato durante questo episodio, da finire per essere stuzzicata da giusto un paio di insignificanti dettagli, come il colore del divano del soggiorno nel loft, che  dopo tutto questo tempo ho scoperto essere, effettivamente, di pelle marrone.

Io mi pento e mi dolgo, sento persino delle vocine dentro che mi dicono Amalo, Amalo Comunque, e tento di convincermi che Sì, è così, è la cosa giusta da fare. Ma davvero non ci riesco. Non so come descrivervi la noia che ho provato nel guardare – per ben due volte, casomai mi fosse sfuggito qualcosa! E la seconda è stata un vero supplizio – questo episodio. La delusione. Il senso di perdita. Basti dirvi che al minuto sette ho iniziato a controllare quanto mancasse alla fine.

Venite ad abbracciarmi se avete provato lo stesso. Abbracciatemi forte.

Dov’è finito il New Girl che conoscevamo? Quello che non smetteva mai di sorprenderci. Quello che ha spinto molti a ritenerlo la “miglior comedy dell’anno”, la scorsa stagione. Quello che ci ha fatto trepidare per un grande primo bacio, ridere fra le lacrime, seguire con passione le assurde vicende di personaggi che andavano definendosi con sempre maggiore maturità.

Cosa ne è rimasto? Personaggi che non interagiscono fra di loro, schizofrenici, o sempre uguali a sé stessi fino a risultare cocciuti e ripetitivi. Il silenzio come accompagnamento sonoro (questa faccenda della musica proprio non mi va giù, soprattutto seguendo telefilm di calibro pari – leggi: HIMYM – che hanno fatto della colonna sonora la loro punta di diamante!). Battute dall’ilarità degna di un bambino di cinque anni.

Quando ho visto il promo dell’episodio, ero ottimista visto che l’espediente dell’eredità di Nick avrebbe potuto dare spazio a parecchia comicità. Già mi immaginavo scene in cui lui avrebbe dilapidato i suoi soldi in modo sconsiderato, rincorso dagli amici che avrebbero cercato di farlo rinsavire. Tutto ciò è stato condensato in una scena di due minuti in cui vediamo Nick che si fa fare un servizio fotografico, e una montagna di buste di spese inutili. Il punto da cui poteva partire una buona dose di risate, non si può dire che se l’abbiano giocato male: non se l’hanno proprio giocato.

Quanto al resto degli intrecci, Schmidt, ancora alla ricerca di giustificazioni morali per quello che ha fatto, va elemosinando da sconosciuti e non riconoscimenti e conferme sulla sua bontà d’animo. Per poi realizzare che “bad things happen to good people all the time“, anche ai più altruisti. Diciamolo, questo personaggio è decisamente in crisi. E lo è da un po’ troppo tempo. Si interroga ma non agisce. È sempre stato un po’ egoista, ma almeno prima questo aspetto era equilibrato dalla simpatia e leggerezza…

Jess e Nick vogliono strapparci un po’ di tenerezza ed empatia, ma io ho smesso di seguirli al “this is me, take it or leave it” di Nick. Capisco perfettamente che in una relazione bisogna accettarsi per quello che si è, e mai cercare di cambiarsi, ma qui stiamo parlando di comportamenti non solo illegali, ma anche stupidi: mi sembra più che logico saldare i propri debiti e pagare le proprie multe come prima cosa dopo aver avuto il colpo di fortuna di ricevere un mucchio di soldi. Jess gli sta chiedendo semplicemente di comportarsi da persona normale, invece di nascondere i suoi problemi (anche e soprattutto con il fisco) in fondo ad una scatola, ignorando la realtà. Noi sappiamo che così è Nick, ma crescere un po’ non farebbe male a nessuno. Insistere su questi comportamenti assurdi sta togliendo “umanità” e realismo al personaggio, con il rischio di farci disaffezionare. Uomo avvisato, mezzo salvato.

E Winston? Ho perso i sinonimi per esprimere lo stesso, identico concetto: dimenticato, bistrattato, stavolta totalmente ignorato. Se si fa eccezione per la parte in cui consola Schmidt dicendogli che in fondo può considerarsi una brava persona, pur avendo fatto degli errori. Ma verrà il giorno in cui ci riprenderemo ciò che è nostro, bro!

In definitiva, mi unisco al coro delle voci disperate dei molti fans delusi da questa nuova stagione. Ma il ricordo del divertimento che questo show mi ha dato in passato, unito alle risate della memorabile seconda puntata “Jacooz”, mantengono viva in me la luce della speranza. Ma sveglia, New Girl, perché quella luce diventa ogni settimana più flebile! Spero davvero che dopo i picchi di qualità delle scorse stagioni questa serie tv ci voglia lasciare quantomeno con dignità.

Guardiamoci il promo del prossimo episodio e preghiamo insieme per il riscatto di New Girl!

Ringraziamo Serie Tv, che passione ღ | Beyond the Good and the Evil | Who’s that girl? It’s Jess. • New Girl • | New Girl (Italia) | • Zooey Deschanel Italian Fanpage • | I meant something like that – Jake Johnson | Zooey Deschanel Italia | • Telefilm Dependence • | Guardare decisamente troppe serie TV | Serial Lovers – Telefilm Page | » Who’s that girl? It’s Jess | Tv, Cinema, Musica & Libri e alla prossima settimana!

4 thoughts on “Recensione | New Girl 3×05 “The Box”

  1. Come darti torto a me questa stagione non sta proprio piacendo. La trovo noiosa e non del calibro delle precedenti che mi hanno tenuta incollata allo schermo. Mi è successa la stessa cosa con Revenge nella seconda stagione. Si è ripresa a metà.
    Spero che New Girl si riprenda molto prima, valutando che sono solo 20 minuti e se li devono giocare bene. Non sono stato molto creativi gli autori. Io avrei fatto tornare Nick all’università e avrei messo più pepe nella loro relazione. I litigi tra i Ness mi mancano!

    "Mi piace"

Rispondi a tezele Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...