Glee/Telefilm

Glee 5×03 “The Quarterback”

I ragazzi del Glee Club hanno dato il loro addio a Finn.
Gli attori di Glee hanno dato il loro addio a Cory Monteith.
E noi vogliamo fare lo stesso.

Per cui questa non sarà una vera e propria recensione, ma un addio da parte dei fan.
Un tributo a chi il Glee Club alla fine l’ha costruito…

****


thefailedgirl

A volte, e sicuramente sbagliando, ci convinciamo che gli attori, i cantanti, i personaggi del mondo dello spettacolo in genere non possano mai morire. Sembra quasi che, nella nostra testa, loro sono immuni ai problemi, alle morti, alle debolezze..
E invece non è così. Ed io ci ho fatto i conti quest’estate, quando la notizia della morte di Cory mi piombò addosso come fosse sale su una ferita aperta, come se fossi piccola e stessi giocando a nascondino. Mi sentivo come se fossero passate delle ore e nessuno mi aveva più trovato.

È strano, noi non conosciamo gli attori, non sappiamo nulla di loro se non quello che decidono di mostrarci, di quello che i media si prendono con la forza e poi ci facciamo una nostra idea. E poi?
E poi mi è sembrato di perdere un caro amico, mi è sembrato ingiusto – e tutt’ora lo è – che la sua voce continui a farmi sorridere, che in fondo io spero ancora di vedere una puntata di Glee dove c’è lui con quel sorrisetto storto che mi ha fatto un po’ perdere la testa.

Avrei voluto rivederlo in qualche altra scena, avrei voluto poter dire addio a Finn davvero perché, anche se ho pianto per quaranta minuti, lui è ancora vivo nella mia testa. Lui sarà sempre il mio Glee. Lui sarà sempre la persona a cui mi sentivo più affine, guardando lo show. Talvolta speravo di somigliargli un po’.

L’episodio mi è piaciuto, per quanto si possa dire che fosse bello. Era doloroso, era reale, ha fatto male a tutti quanti.

Ciao Finn. Addio Cory, continua a suonare la batteria senza perdere quel tuo sorrisetto.
We don’t stop believing.


rudinski

Non esiste il lieto fine, esiste un qualcosa che prima o poi decide di interrompersi, il più delle dannate volte però è sempre troppo “prima”. Si è sempre voluto aggiungere qualcosa da dire o il momento di un abbraccio piuttosto che una pacca sulla spalla, ma nulla ci riporterà nel momento opportuno per cogliere la palla al balzo, nulla sarà mai come prima, soprattutto quando quella persona non c’è più.
È sempre brutto, in qualsiasi modo accada e noi non resta che reagire, andare avanti.
Con i nostri tempi, ma andare.
Tanto una cosa non ce la toglieranno mai, anche se molte moltissime volte non basta, ma il ricordo è nostro. Sta li. pronto per essere accudito per sempre.


theserieskiller

Come si può dire addio ad una persona che non sapeva nemmeno il tuo nome?
Come possiamo raggruppare qualche parola per commemorare qualcuno che è morto così giovane?
Ero appena tornato da Disneyland quando ho scoperto che Cory era morto. Che Finn era morto.
Come si può passare dalla felicità alla tristezza in un momento?
Mi sono spesso chiesto come si possa sopravvivere ad una perdita così grande, così devastante,
Ho pensato subito a Lea (e a Rachel), ai suoi genitori, ai suoi amici e a chi veramente gli voleva bene.
E alla fine sono state queste persone ad infondermi la forza, perchè se ci sono riuscite loro, perchè non potevo riuscirci io che nemmeno l’ho mai sfiorato?
Ed è grazie a loro se c’è stato questo tributo, una puntata dedicata all’unico vero leader che il Glee club di Lima avrà mai: Finn Hudson.

Non mi stupisce che questo episodio sia forse uno dei migliori mai realizzati nella storia di Glee.
Tutto (o quasi tutto, è pur sempre Glee) le emozioni sono genuine: il dolore è palpabile negli occhi dei suoi ex co-protagonisti e le loro interpretazioni sono al loro massimo,
Su tutte, ho apprezzato la performance di Naya Rivera che ha saputo stupirmi della sua potenza drammatica.
E se la scena con Rachel mi ha fatto commuovere, quella che ha spazzato tutte è quella con la madre e con Burt, i cui dialoghi sono forse tra le scene migliori che abbia vista in televisione da anni.

Goodbye our Quarterback, we’ll miss you.


tarentinahudson

Non ci sono parole che descrivano a sufficienza come mi sono sentita guardando la puntata. Cory era il mio Glee… Finn era il mio Glee… e ora, per me, è finito tutto. Forse solo dopo la puntata ho realizzato che quello che è successo il 13 luglio è successo davvero.
Non volevo crederci e una parte di me non ci crede ancora. Speravo e sognavo che un giorno lo avrei incontrato, magari a qualche première o a qualche concerto dei Bonnie Dune ed ora il mio sogno è infranto per sempre.
Mi resterà solo il ricordo di questo meraviglioso e fragile ragazzo che conoscevo solo tramite lo schermo, ma al quale volevo bene come se fosse un mio grande amico.
Ha lottato e purtroppo ha perso, ma non perderà mai l’amore di milioni di persone che lo ammiravano per tutto quello che era. Per me resterà sempre il mio batterista con le deliziose fossette e un sorriso stupendo… quando sentirò un tuono penserò sempre che sia lui che suona la batteria tra le nuvole…

Ciao Cory… Ciao Finn… I will miss you…

tumblr_muj1x94HL21r8n3jyo1_500 tumblr_mukczu4Tac1rginh2o1_500

Be nice to everyone, always smile, and appreciate things, because it could all be gone tomorrow.”
Cory Monteith 

sallyskellyngton

Quello che questa puntata è riuscita a farci capire, senza mai accennarlo in modo diretto è che nella vita le scelte sbagliate esistono e purtroppo ne derivano sempre delle amare conseguenze, nel caso di Cory addirittura la morte, ma se sei stato in grado di vivere una vita ricca di significato e hai saputo dare tanto agli altri, magari anche trascurando te stesso… Beh, allora sarai ricordato per la tua vita per la bella persona che eri e non per quella scelta sbagliata che ti è costata così tanto!

Questo è quello che è successo a Cory e di conseguenza a Finn, il dolore sincero dei colleghi si è letto ovunque e si è chiaramente visto dalle loro interpretazioni piene di dolore lo stesso dolore che si è letto nelle lacrime dei fan che hanno sentito la perdita insieme alla famiglia di Glee.

Ci mancherai Finn…


tezele

Il dolore quasi inesprimibile di Rachel, il rifiuto di Puck, la delicata compostezza di Kurt, la passione di Santana, l’incredulità del Prof. Schuester. Ognuno, in questo episodio che è intenso e veloce come un fulmine a ciel sereno, ha espresso il suo lutto nella maniera che poteva. E nella maniera in cui aveva conosciuto il Quarterback.

Chi era lui per ciascuno di noi? Per me era il primo volto di Glee, quando un paio di anni fa accesi la televisione e per caso mi soffermai a dare un’occhiata a quello che, avevo letto da qualche parte, era stato descritto come “un successo mondiale”. Un personaggio che si è rivelato come il più vero della serie, che cresce e impara a combattere i pregiudizi con la semplicità che lo ha sempre contraddistinto. Ma soprattutto, un ragazzo talentuoso che se n’è andato troppo presto. E qui la finzione e la realtà si confondono, così come si sono confuse nelle voci spezzate dei personaggi nel loro ultimo saluto a Finn.

Credo che il modo più bello di ricordare quel ragazzo sia proprio quello che abbiamo visto all’inizio dell’episodio: “How do you measure the life of a woman or a man? Though the story never ends, let’s celebrate, remember a year in the life of friends. Remember the love. Measure your life in love”. A giudicare da come ci ha spezzati la sua perdita, evidentemente questo amico ne ha dato e lasciato tanto, di Amore.

****

Non credo che i veri fan ti dimenticheranno mai.
E fino a quando la tua voce sarà ascoltata, significa che tu Cory Monteith e tu Finn Hudson, siete ancora vivi.
Ci avete cambiato la vita, in un modo o nell’altro.

Grazie,
dei fan.

2 thoughts on “Glee 5×03 “The Quarterback”

    • Sono contentissima anche io! È venuto fuori bene e non siamo stati ripetitivi. Forse, se ci fossimo messi d’accordo sul cosa dire, non sarebbe venuto così!
      Spero di poter collaborare con voi tutti di nuovo 🙂

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...